Consulta della disabilità: ecco cosa si è deciso

democratici

Si è tenuta sabato 8 Novembre una riunione della consulta della disabilità. Presenti per l'amministrazione il Sindaco e l'assessore ai Lavori Pubblici Rocco Marsico che hanno riferito in merito alla situazione del centro diurno per disabili gravi ex art. 60 (ex ausilioteca), la struttura del "dopo di noi" e la programmazione annuale dei Piani Sociali di Zona.

In particolare per la struttura del centro diurno l'assessore Marsico, dopo aver effettuato sopralluoghi con tecnici e professionisti, ha riferito che i lavori per renderla nuovamente fruibile dovrebbero potersi completare entro i primissimi mesi del 2020. Contestualmente il Sindaco si è impegnato a reperire i fondi necessari per questi interventi e per le successive procedure di "recupero fondi" dai piani sociali di zona che permettano poi l'affidamento e gestione del servizio.

In merito alla struttura del "Dopo di noi" è volontà di questa amministrazione affidarla all'associazione Autismo Insieme che intende realizzare progetti di inserimento lavorativo per persone con disabilità. L'affidamento si rende possibile, secondo quanto riferito dal Sindaco, poiché da un confronto con un referente regionale la struttura risulta svincolata da qualsiasi obbligo di destinazione d'uso.

Notizia di rilevante importanza che il Sindaco ha tenuto a comunicare nella riunione è la volontà di assumere un dirigente ai servizi sociali a tempo indeterminato vista l'importanza e la complessità della gestione di questo settore mentre la nomina del nuovo assessore dovrebbe avvenire nella prossima settimana tornando indietro, quindi sulla recente decisione di non assumere dirigenti.

"Noi dell'associazione DèS - si legge in una nota - continueremo a monitorare e, qualora necessario, sollecitare l'azione amministrativa in un ottica di confronto e condivisione di percorsi e possibili soluzioni. 

Restiamo a disposizione del Sindaco e del futuro assessore per qualsiasi forma di collaborazione affinché questi ennesimi impegni assunti possano vedere una reale concretizzazione perché adesso alle promesse devono seguire i fatti".