Martedì 12 Novembre 2019
   
Text Size

Le nostre scuse all'avv.to Camillo Larato

larato

 

Gentile avvocato,

In qualità di ex direttore responsabile della testata “La voce del paese”, La prego vivamente di accettare le mie scuse riguardo ai commenti pubblicati sul sito santeramoweb.it.


L’aver omesso il controllo del forum e, aver consentito, dunque, agli utenti del sito internet di cui sono direttore responsabile di scrivere i commenti su riportati lesivi della Sua dignità personale e professionale, ha cagionato un notevole danno di visibilità alla Sua persona non solo limitatamente al periodo limitato della campagna elettorale, ma anche e soprattutto nel successivo impegno politico.

Senza contare la circostanza che le espressioni utilizzate contrastano nettamente con la realtà, atteso il Suo impegno profuso sia nella attività politica di consigliere comunale, sia nell’ambito professionale.

Le chiedo però di voler considerare il mio ravvedimento, frutto di una lunga e ponderata riflessione, e di considerare il fatto che ho compreso il mio errore. Le chiedo dunque di avere l’umanità di voler rimettere la querela che comprensibilmente ha sporto nei miei confronti, cosicché non si abbia luogo a procedere per le violazioni del codice penale che ho sicuramente commesso.

Proprio in considerazione del mio ruolo, ho deciso inoltre, e mi impegno formalmente con Lei a farlo, di pubblicare questa mia lettera sul portale santeramoweb e sul periodico “ La voce del paese” con titolo di richiamo in prima pagina.

Speriamo insomma che questo nostro incontro, avvenuto in circostanze così negative, possa invece rivelarsi un’opportunità e insegnare a molti altri utenti della rete, soprattutto giovani, quali sono i rischi a cui si va incontro con un uso “disinvolto” dei forum e dei social media: la violenza, la calunnia, la diffamazione non sono certamente meno gravi se avvengono on line. Tenuto conto di tutto questo, La ringrazierò davvero di cuore se vorrà accettare questa mia richiesta di comprensione e chiudere amichevolmente questo orribile episodio.

Le rinnovo ancora una volta e mie scuse personali e, ora sì, La saluto davvero molto cordialmente.

In fede

Nicola Teofilo

 

 

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI