Martedì 23 Ottobre 2018
   
Text Size

Lettera aperta di Giovanni Petragallo "Noi con l'Italia"

3295239 092c8b_767x342

 

Il Cooordinatore cittadino “Noi con l’Italia”,  fa pervenire alla redazione di Santeramo Web una "lettera aperta "  sul grande problema delle strade di acceso nella nostra Santeramo. Lettera inviata al Presidente della città Metropolitana Antonio Decaro, per conoscenza all’ Assessorato alla viabilità e al sindaco di Santeramo in Colle Fabrizio Baldassarre.

Di seguito il comunicato:

“Noi con l'Italia”  di Santeramo, con la presente vogliamo sollecitare risposte ed interventi urgenti sui problemi della viabilità nel comprensorio Murgiano e, in particolar modo, delle strade di accesso alla nostra Santeramo, che mettono in pericolo i tanti studenti e lavoratori pendolari e automobilisti che quotidianamente sono costretti a percorrere tali strade.

A tal proposito ricordiamo che sono stati stanziati circa 9 milioni di euro, a disposizione della “Ex provincia”, oggi Città Metropolitana di Bari, per le manutenzioni stradali.

Vogliamo porre alla Vostra attenzione, in particolar modo, lo stato pietoso delle seguenti strade:  

- SP 236 che collega Santeramo a Bari;

- sempre la SP 236 da Santeramo per Matera, molto trafficata perché consente di raggiungere la zona industriale di IESCE e naturalmente Matera;

- la SP 128 che collega Santeramo con Laterza, anch'essa percorsa da tanti lavoratori che si recano agli stabilimenti Natuzzi di Laterza e Ginosa, all'Osmairm di Laterza e, nel  periodo estivo , dai tanti pendolari che si recano alle spiagge Ioniche;

- la SP 127 che collega Santeramo con Acquaviva delle Fonti, percorsa per raggiungere l'ospedale Miulli, dove, oltre al manto disastroso, si rende pericoloso il tratto di strada all’altezza dell’ex ospedale Collone, dove i rami degli alberi del bosco adiacente finiscono per invadere la sede stradale;

- la SP 235 che collega Santeramo ad Altamura.

 Alla luce delle considerazioni fin qui fatte, chiediamo un intervento immediato per la sicurezza e l'incolumità dei tanti cittadini che quotidianamente percorrono le suddette strade” – conclude Petragallo. 

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI