Domenica 22 Aprile 2018
   
Text Size

Coldiretti Puglia: 78% dei Comuni pugliesi a rischio idrologico

IMG 7594

 IMG 7593IMG 7595

Foto delle condizioni dei canali in agro di Altamura

 

Il Coordinatore Progetto Campagna Amica, Teresa De Petro, della Federazione Regionale Coldiretti Puglia, invia un comunicato stampa alla nostra redazione, l'oggetto è l'emergenza idrogeologico, noi di SanteramoWeb ve lo sottoponiamo.

Il clima impazzito continua ad avere effetti disastrosi sul territorio e si abbatte su un territorio fragile, dove 232 comuni su 258 (78%) sono a rischio idrogeologico con diversa pericolosità idraulica e geomorfologica. Sono 8.098 i cittadini pugliesi esposti a frane e 119.034 quelli esposti ad alluvioni, rileva Coldiretti Puglia sulla scorta dei dati ISPRA.

“Gli effetti dell’incuria e delle mancate opere di bonifica – denuncia il Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele - sono evidenti sul territorio. Alberi nei canali di scolo e canneti, tombini nelle aziende agricole ostruiti, sono solo alcuni esempi di quanto rilevato nel corso dei sopralluoghi effettuati dalla squadra di tecnici di Coldiretti Puglia che si sta muovendo sul territorio per verificare che le opere siano realmente state realizzate. Poi, ci stupiamo di smottamenti e allagamenti, causati in Puglia anche da semplici piogge. Si sono consolidate nel tempo nuove ed inevitabili esigenze di manutenzioni straordinarie delle opere pubbliche di bonifica che non possono e non debbono essere scaricate sulla incolpevole platea di utenti, agricoli e urbani, i quali hanno, loro malgrado, già subito nell’ultimo decennio innumerevoli danni per mancata manutenzione, i quali hanno, loro malgrado, subito nell’ultimo decennio innumerevoli danni per mancata manutenzione. I drammatici effetti dell’incuria e dei profondi cambiamenti climatici che si sono manifestati sul territorio regionale, caratterizzati dal succedersi di eventi estremi non sempre prevedibili, hanno reso non più rinviabile il rilancio dell’attività di bonifica integrale”.

Proprio per studiare il ‘caso Puglia’ una delegazione del Gruppo della Banca mondiale, osservatore presso il Gruppo di sviluppo delle Nazioni Unite, composto da delegati provenienti da Cina, USA, Kazakhistan, Vietnam, Perù, Vienna, sarà in visita in Puglia, guidata da Coldiretti, tra le province di Bari e Foggia, dal 10 al 14 aprile prossimi, per toccare con mano gli esempi virtuosi sul fronte irriguo, rappresentati da aziende private e dallo stesso Consorzio di Bonifica della Capitanata che hanno fatto della politica di autogoverno degli agricoltori il punto di forza delle attività.

“Abbiamo in più occasioni chiesto al commissario del Consorzio di bonifica Centro – Sud una mappa dei lavori effettivamente svolti sul territorio, perché le nostre imprese agricole non ne vedono tracce tangibili – aggiunge Angelo Corsetti, Direttore di Coldiretti Puglia – e abbiamo presentato un documento con indicazioni puntuali, sollecitando più volte la convocazione di un tavolo all’Assessore all’Agricoltura, mai convocato, perché senza un piano organico pluriennale, gli interventi di manutenzione straordinaria della rete di scolo resteranno solo utopia, mentre si continua a gravare di oneri impropri i consorziati, già colpiti sia patrimonialmente che nella formazione del reddito, in considerazione dei ripetuti danni subiti”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI