Sabato 18 Agosto 2018
   
Text Size

Santeramo: Accoglienza immigrati e adesione alla rete SPRAR

20637925 441818242884372_7789798040783916999_n_111111

"Accoglienza immigrati e adesione alla rete SPRAR: la posizione dell’Amministrazione" - la comunica il sindaco su di un post su facebook.

Lo SPRAR è il sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, è costituito dalla rete degli enti locali che per la realizzazione di progetti di accoglienza integrata accedono, nei limiti delle risorse disponibili, al Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell’asilo. A livello territoriale gli enti locali, con il prezioso supporto delle realtà del terzo settore, garantiscono interventi di “accoglienza integrata” che superano la sola distribuzione di vitto e alloggio, prevedendo in modo complementare anche misure di informazione, accompagnamento, assistenza e orientamento, attraverso la costruzione di percorsi individuali di inserimento socio-economico.

Di seguito il post del sindaco Baldassarre - "Il 27 marzo abbiamo deliberato in Giunta un atto di indirizzo per avviare la procedura che entro il 30 settembre ci metterà nelle condizioni di poterci candidare al finanziamento di un progetto che permetta di accogliere i 95 immigrati che, con gradualità, il Ministero dell’Interno riallocherà a Santeramo come sta facendo da tempo in tutti i Comuni della Città metropolitana di Bari. 

Già a settembre avevo spiegato che trovo che lo SPRAR (www.sprar.it) sia un sistema positivo per fare in modo che possiamo gestire la situazione e non subirla dall'alto, visto che funziona diversamente dai centri di accoglienza straordinaria (CAS) nati con l’unico scopo di fornire un'assistenza di base ai richiedenti asilo, vale a dire il vitto e l'alloggio, spesso relegandoli in luoghi “ghetto” con un forte impatto sulle comunità locali (ne abbiamo esempi ad Altamura e Gioia).

Con lo SPRAR, invece, queste persone, pertanto, potranno essere collocate all'interno di strutture messe a disposizione dal comune o da privati e dovranno seguire un preciso progetto di inclusione per almeno sei mesi, rinnovabili se non dovesse giungere al termine.
Un motivo per cui ritengo utile e necessario aderire alla rete SPRAR è la cosiddetta “clausola di salvaguardia”: la Prefettura non potrà creare un CAS in un comune aderente al sistema Sprar. Se, invece, non esiste lo Sprar, la decisione spetta soltanto al Prefetto e il sindaco non ha diritto di parola.
Il Prefetto, la dott.ssa Magno, è stata chiarissima, nelle riunioni formali e in una recente lettera a me indirizzata: se Santeramo non attiva percorsi di accoglienza (SPRAR) in tempi brevi per la quota di circa 95 persone il Ministero dell'Interno può senza indugio imporre "d'ufficio" un contingente anche di 300 persone, dotandoci di tende da campo o requisendo immobili di proprietà pubblica.
È importante, infine, dire che le risorse finanziarie per questo tipo di progetti arrivano dal Ministero e non sottraggono risorse alle casse comunali ma piuttosto le aggiungono, creando le condizioni per distribuire ricchezza localmente, attivando imprese, cooperative sociali, associazioni e privati (ad esempio proprietari di case sfitte). Gli immigrati degli SPRAR hanno già subito un processo di formazione e di selezione e , a seconda dei progetti,devono essere impegnati in attività lavorative o sociali.

Vi prego di superare le vostre diffidenze che, comunque, rispetto: in Puglia hanno aderito alla rete SPRAR 94 Comuni che hanno accolto 3459 immigrati con gradualità, volontarietà e sostenibilità, nel rispetto della proporzionalità demografica. Documentatevi delle esperienze fatte in Puglia e nel resto d’Italia e non limitatevi alla superficialità dei proclami politici.
Anche io, come tutto il M5S, penso che debba essere rivista la posizione dell’Italia nella UE rispetto alla gestione dei flussi migratori.
Tuttavia, allo stato attuale credo che il modello Sprar sia il migliore per impattare nel miglior modo questo problema su scala locale, trasformandolo in un’opportunità", conclude Baldassarre su facebook. 

 

Commenti  

 
#3 max 2018-04-02 12:53
e vai nuovi soldi ai nullafacenti dell.arcigay
 
 
#2 Partita iva 2018-03-31 21:07
L'unica decisione saggia, di un'ammirazione, ad oggi, senza progettualità
 
 
#1 Colin 2018-03-31 17:43
La pioggia che non ha fatto, in cielo sta
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI