Domenica 24 Giugno 2018
   
Text Size

Fabrizio Labarile - Il ripristino della dignità

povert-675

La redazione di Santeramo web riceve e pubblica il pensiero dello scrittore socio - politico ed economico santermano Fabrizio Labarile.

Qualche giorno dopo i risultati delle elezioni politiche, alcuni buontemponi, o delusi dall’esito delle urne hanno pensato bene di lanciare una bufala colossale: una marea di persone avrebbero preso d’assalto alcuni CAF e centri d’impiego per esigere il Reddito di cittadinanza.

Prima di spiegare con dettagli tecnici cosa significa realmente il Reddito di Cittadinanza è opportuno invitare i tanti suoi precoci denigratori a non definirlo un aiuto a fondo perduto e sopratutto a non scherzare con le necessità di tanti cittadini che vivendo sulla soglia di povertà, hanno enormi difficoltà anche a soddisfare le esigenze più elementari.

E nessuno, e meno che mai alcuni media e giornalisti asserviti ai vecchi partiti si devono permettere di strumentalizzare una proposta di legge che, invece, applicandola bene potrà essere il volano per fare uscire definitivamente il nostro Belpaese dal suo eterno ruolo di parziale emarginazione.

Premesso che Il Reddito di Cittadinanza potrà essere applicato quando il Movimento Cinque stelle andrà al Governo, esso studiato e scritto in tutte le sue sfaccettature è lo strumento più efficace per contrastare la povertà, le disuguaglianze e l’esclusione sociale; ma nel contempo è anche un “Incoraggiamento” e “Una vantaggiosa opportunità” a disposizione dei cittadini che hanno perso un lavoro o non lo hanno mai potuto trovare.

Come si articolerà e quali sono le condizioni per beneficiarne.

I giovani, i disoccupati e chi perde il lavoro, oltre ai pensionati che percepiscono un importo basso potranno accedere a questa misura di sostentamento.

Tutti i cittadini e specialmente chi è più svantaggiato perché colpito da malattie o da disabilità potrà contare su di un importo di Euro 780,00 mensili che, ovviamente, scende se il nucleo familiare è composto da più soggetti.

L’aspetto tecnico più importante per concretizzare questa misura sono i centri per l’impiego che saranno rinnovati e resi funzionali con personale competente. Oggi, siccome anche molti impiegati presso questi organismi sono precari hanno enormi difficoltà ad espletare il loro dovere.

L’obiettivo di questa proposta di legge che potrà trovare la sua applicazione, ci auguriamo quanto prima è una misura attiva rivolta al cittadino per reinserirlo nella vita attiva del Paese. Configura, ebbene ribadirlo, uno strumento di sostegno al reddito per i cittadini che versano in condizioni di necessità.

Quali sono i vantaggi concreti di un tale provvedimento e come finanziarlo.

La situazione socio-economica attuale è molto deficitaria, certificata dai dati della disoccupazione; circa il 12% a livello nazionale, oltre il 20% al sud; mentre quella dei giovani raggiunge 35% in tutto il territorio, con picchi di oltre il 50% al sud.

Se a queste cifre spaventose si aggiunge l’esercito dei precari, allora tocchiamo con mano il vero disastro in cui la nostra Nazione è precipitata.

Il reddito di cittadinanza sarà gestito dai Centri per l’impiego debitamente formati, a cui sarà obbligatorio iscriversi.

Le principali prerogative sono: lavorare 8 ore settimanali per il Comune; obbligo di frequentare Corsi specifici di qualificazione per nuove e antiche professioni; chiunque dovesse rifiutare 3 proposte di impiego ritenute congrue, perderà il diritto di questa misura.

E’ previsto anche il reato penale per coloro che non si attengono agli impegni sanciti nel relativo contratto.

Gli importi del reddito di cittadinanza incrementeranno i consumi, permettendo alle aziende e ai centri commerciali d’incrementare i loro introiti e conseguentemente, di aumentare il personale.

Le persone riqualificate e formate sia con competenze specifiche, che specialmente da un punto di vista di cultura di impresa potranno insieme avviare nuove attività imprenditoriali.

Oggi esistono Holding internazionali che non appena appurano la bravura dei nostri laureati e in particolare dei neo-ingegneri abilitati presso gli Atenei più rinomati italiani, subito li assumono.

Ora, se questi giovani laureati avessero un reddito, insieme e con l’aiuto economico previsto per le start-up e con l’eventuale partecipazione di finanziamenti privati, potrebbero sviluppare i loro progetti creando nuove opportunità per sé e la comunità.

Le risorse per attivare questo nuovo metodo decisivo a fare ripartire l’economia della nostra Nazione potrà essere finanziato con diverse misure: abolizione parziale delle 8 (OTTOMILA) PARTECIPATE, molte delle quali sono composte dal solo consiglio di amministrazione.

Ridurre gli sprechi della pubblica Amministrazione; in Italia il costo medio di una qualsiasi opera pubblica costa in media dal 40-60% in più che negli altri Paesi europei.

Riformare prima ed eliminare poi la Cassa di integrazione e le varie forme di disoccupazione, oltre all’impiego degli attuali aiuti tipo Red e altri ,che saranno sostituiti proprio dal Reddito di cittadinanza.

Se desideriamo veramente il cambiamento è necessario usare una nuova strategia: non più la politica clientelare e corruttiva ma quella basata sul merito e capacità, sostenuti da controlli efficaci.

Fabrizio Labarile

 

Commenti  

 
#2 Mario Bitetti 2018-03-14 08:12
Ma perchè non riportate più i commenti e vi limitate solo a riportare le stupidaggini come quelle di questo personaggio, "scrittore socio.politico ed economico" (bum!).
Come posso fare pe replicare argomentando per filo e pe segno alle castronerie di questo signore? E' giusto che solo i 5 stelle possano esternare a loro piacimento? Dove posso mandarvi eventuali mie considerazioni?
 
 
#1 Ignoto 2018-03-13 21:55
Voi del M5S dovreste essere più rispettosi dei cittadini che versano in condizioni disagiate e di precarietà e il tanto decantato reddito di cittadinanza e' una bufala colossale. Vergognatevi perché gente come voi non merita di governare l'Italia. Il reddito di cittadinanza aumenterebbe i consumi? Sig. Labarile dovresti studiare un po' di macroeconomia invece di fare affermazioni che rasentano il ridicolo.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI