Sabato 20 Gennaio 2018
   
Text Size

Casa di riposo, un accertamento Tari di duecentomila euro

detrazioni-730-genitori-casa-riposo

 

La questione TARI della casa di riposo, gestita dalla Cooperativa “Con Noi” allarma il Partito Democratico di Santeramo.

Il Sindaco Baldassarre diceva sul serio quando affermava che la casa di riposo, seppure a rilevanza pubblica, è obbligata al pagamento dei tributi.

Infatti, a distanza di poche ore, è pervenuta in via Pietro Sette una cartella di accertamento di duecentomila euro.

Una richiesta che preoccupa il circolo cittadino del Partito Democratico.

La coop. Soc. Con Noi – affermano gli iscritti, nel comunicato pervenuto in redazione - è una ONLUS senza scopo di lucro ed è notorio che ha sempre investito il proprio utile per il miglioramento della struttura di proprietà del Comune.

Considerato che nessuna amministrazione Comunale, ne commissari prefettizi, hanno mai preteso il pagamento di tale tributo Comunale ad una ONLUS, il Partito Democratico ci chiediamo come mai il Sindaco Baldassarre si sia imbattuto in questa battaglia pseudo legalistica.”

Un’azione che mette a rischio le casse della cooperativa, i soci, gli anziani e tutti i posti di lavoro.  

Commenti  

 
#4 Luca Rossi 2017-12-26 16:33
baldassarre millepose. ecco il nome giusto è baldassarre millepose.
e non c'e' consip che tiene, se ricordate le boiate dal palco. loro risolvono tutto coi selfie. meglio male!
 
 
#3 marco 2017-12-26 13:51
avete ragione entrambi. Troppe foto e troppe chiacchiere, ma sopratutto troppo vero che la casa di riposo non è piu nella condizione di pagare gli stipendi.
 
 
#2 Nico Disabato 2017-12-26 12:24
Ieri ho scritto un commento su santeramolive. la redazione, ad ora, non lo ha pubblicato. Provo ad inviarlo qui:"Se il sindaco ci garantisce al 100% che la mazzata di 200.000 euro non avrà ricadute occupazionali e sul servizio, allora oggi potremo far tutti un sereno pranzo di Natale"
 
 
#1 Mario Bitetti 2017-12-25 16:55
Caro Fabrizio, così proprio non va.
Credevo che tu avessi una tua autonomia di giudizio più pronunciata nei confronti del tuo partito. Mi sbagliavo perchè vedo che anche tu parti allo sbaragglio secondo i canonici dettami del tuo partito che si riassumono nel: attacca, attacca sempre, a testa bassa, anche quando ci sarebbe da riflettere e da rispondere con ponderazione.
CHe senso ha dire - come fai su Santeramo live- che IL Pd annaspa, e allora: non dovrebbe fare politica? Il Pd ha posto un legittimo dilemma: pretendere 200 mila euro dalla casa di riposo prelude ad un suo fallimento. Mi sembra un discorso matematico, credo. Rispondi nel merito, Fabrizio, non arzigogolare. Non tergiversare come quando sostieni che quello che devono pagare pagheranno e poi si troverà una soluzione? Quale soluzione? Cosa sono questi tortuosi bizantinismi? Una soluzione forse come per gli 80 euro cancellati ai più bisognosi? O l'altra soluzione come quella di cancellare il trasporto degli scolari situati in campagna?
"Il PD pensavo non esistesse più". Ecco una uscita del genere me la sarei aspettata da uno dei tuoi esasperati seguaci non da una persona con un certa cultura e sensibilità. Ti stai lasciando trascinare nella bagarre! Fabrizio. Alla guerre come alla guerre! E poi che cosa vuol dire che ti attaccheranno fino ai risultati delle elezioni politiche? Perchè poi, sicuri di vincere, nessuno oserà più criticarvi? Caro Fabrizio tu parli da monarca di passati imperi più che da semplice cittadino come vi spacciate. E comunque quanta arroganza in queste tue isteriche esternazioni. Io pur da strenuo avversario del tuo partito mi illudevo, anche se non ti ho votato, che avresti avuto più lungimiranza e meno coda di paglia.
E gli avversari, caro Fabrizio, si rispettano sempre, anche se raccolgono meno consensi del tuo partito. E poi, caro Fabrizio, la gente vi sta conoscendo. Presto sarete voi a trovarvi con le pive nel sacco.
E comunque, caro Fabrizio, è finito il tempo delle pose. Sarai pure fotogenico ma i cittadini aspettano i fatti.
Buon Natale Fabrizio
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI