Sabato 20 Gennaio 2018
   
Text Size

L’Azione Cattolica lancia un appello per i servizi sociali

CHIESA-MATRICE1

Anche l’Azione Cattolica di Santeramo esprime una profonda preoccupazione per il fondato rischio che la città faccia non uno ma tanti passi indietro per la continuità di importanti servizi sociali che negli ultimi anni hanno dato un contributo importante per la qualità della vita di tanti concittadini bisognosi e delle loro sofferenti famiglie.

Seppure il Sindaco Baldassarre abbia, in un incontro monotematico, tranquillizzato utenti, famiglie e operatori sulla continuità del servizio e sulla sua tutela, nulla di certo pare ancora scritto e la conclusione del progetto sperimentale è sempre più vicina.

"Il 31 dicembre prossimo - afferma il Presidente dell'Associazione Cattolica - scade il triennio di attività del Centro di socializzazione “Piazza Grande” che, con molteplici e articolate attività, ha contribuito ad elevare con successo l’autostima di numerosi ragazzi santermani con disabilità mentale stabilizzata, grazie al valido al lavoro di rete ben organizzato dalla società cooperativa Auxilium in collaborazione con il Servizio di Igiene Mentale, l’Associazione Speranza presieduta dalla signora Maria Volte, assistenti e volontari. Se in questi ultimi giorni dell’anno corrente non si dovesse procedere alla proroga, Piazza Grande sarà costretta a chiudere i battenti, rimettendo in mezzo alla strada tanti ragazzi che nel centro avevano trovato la loro seconda casa e scaraventando nell’angoscia le loro famiglie."

La chiusura di Piazza Grande, qualora non fosse evitata, si affiancherebbe a quella dell'Ausilioteca "frequentata a far data dal 2006 da persone affette da patologie mentali acute che ha cessato l’attività da diversi mesi e, sinora, nonostante alcune iniziative per sollecitare la riapertura, nulla si sta muovendo in tal senso."

Non è un buon periodo per i servizi sociali: somme finanziarie sempre più esigue, conflitti di attribuzione tra pubblico e privato nella compartecipazione della gestione e tasse molto alte per servizi a rilevanza pubblica, pare mettano in difficoltà anche il Centro Polivalente per Anziani.

"La bella realtà del Polivalente per Anziani - sostiene l'Associazione Cattolica - inaugurato pochi anni fa, non versa in condizioni migliori. Potrebbe cessare la sua attività di socializzazione da un momento all’altro nonostante numerosi anziani abbiamo trovato in esso interessi e svaghi che allievano la loro condizione di solitudine ed emarginazione a cui erano prima relegati. Occorre una scossa. Questo notevole patrimonio sociale non può essere disperso perché, dati alla mano, è stato da supporto alle categorie più deboli della nostra città verso le quali tutti devono sempre prestare la massima attenzione. Il livello di civiltà di una comunità si misura dalla capacità di non emarginare gli ultimi i cui bisogni non possono non occupare sempre il primo posto negli interventi e nelle scelte della Pubblica Amministrazione, delle Associazioni di Volontariato preposte e delle persone di buona volontà."

Un comunicato appassionato che mira a spronare l'Amministrazione Comunale affinché questa, entro la fine del 2017, possa garantire la continuità di questi servizi sociali importantissimi per la collettività di Santeramo "Piazza Grande, Ausilioteca e Polivalente per Anziani".

Commenti  

 
#1 toc toc 2017-12-21 18:35
..ascoltateci...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI