Mercoledì 17 Ottobre 2018
   
Text Size

D'Ambrosio rivendica il finanziamento del Campo Casone

20727945 10213830717672575_9193362180116053061_n

Foto: Marcelo Di Gesù

Il Campo Casone tiene banco nel dialogo politico attuale. Ad intervenire è Michele D'Ambrosio con lo scopo di fare chiarezza sul percorso per l'agibilità della struttura.

"Non voglio entrare in inutili polemiche - esordisce l'ex Sindaco - ma non posso consentire che si seminino false ricostruzioni per denigrare l'Amministrazione D'Ambrosio e che ci si metta delle immeritate medaglie. L'attuale Amministrazione deve ancora dimostrare di saper costruire, fno ad oggi ha solo demolito."

Il riferimento è chiaro: si rivolge agli assessori Caggiano e Massaro, ma anche a tutto lo Staff Cinque Stelle che, in un precedente comunicato, lamentando anni di sprechi di denaro pubblico e lunghissime perdite di tempo, annunciano alla cittadinanza di aver pronto, sulla scrivania, il bando per l'agibilità totale della struttura. Bando che, a quanto pare, risulta finanziato da un finanziamento regionale "Agorà Sicure", volto al recupero delle periferie e da un anticipo di cassa, da parte dell'Amministrazione D'Ambrosio, per l'esecuzione di tutti i lavori necessari ed urgenti al raggiungimento di tali obiettivi. Lavori che seppur godevano di copertura economica, predisposta a marzo 2017, non sono stati portati a termine a causa della caduta anticipata- e nello stesso momento - della passata Amministrazione.

"Esiste - afferma D'Ambrosio -  la delibera di Giunta del Comune di Santeramo dell'agosto dello scorso anno (n. 167 del 29 agosto) con la quale ci si candidava ad un finanaziamento del bando di Città Metropolitana di Bari denominata "Agorà Sicure" che aveva come obiettivo la rigenerazione di strutture delle periferie urbane. A questo abbiamo candidato la rigenerazione del Campo "Casone" chiedendo 600 mila euro che oggi ci sono stati finalmente assegnati e che consentono al nostro Ufficio tecnico di avviare le procedure di appalto per la realizzazione dei lavori progettati fatti finanziare dalla Amministrazione D'Ambrosio."

"Sempre lo scorso anno - ammette con riferimento all'agibilità totale della struttura - ci siamo anche preoccupati, con la mia Amministrazione, di portare il "Casone", nel più breve tempo possibile, alla tanto attesa agibilità anticipando dal bilancio comunale la somma di 300 mila euro per il rifacimento degli spogliatoi senza il quale mai si sarebbe potuto ottenerla prevendendo e realizzando anche l'efficientamento energetico (riducendo fortemente i consumi!). Questi interventi negli spogliatoi sono previsti nel progetto generale candidato presso Città Metropolitana. Lavori che oggi risultano eseguiti ed ultimati e che permettono al nostro Comune di beneficiare di 300 mila euro da poter utilizzare per qualsiasi investimento per il bene della nostra Comunità cittadina."

Precisazioni che chiudono il cerchio sulla vicenda, sicuramente lunga anni, ma fin troppo vittima di polemiche e invettive. 

"Nessuna polemica - conclude D'Ambrosio - solo voglia di far chiarezza e di far calare il sipario su tutte quelle bugie che vengono raccontate ai cittadini. Ad oggi, purtroppo, non vedo in verità alcun merito o impegno particolare degli attuali amministratori per il miglioramento della nostra Città. Devono ancora dimostrare tutto tranne di saper parlare, parlare, parlare e sorridere!"


Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI