Venerdì 20 Luglio 2018
   
Text Size

Nino Difilippo, vincitore del premio internazionale letterario Demos

88706ed0d610230601c713946375d827f697528c 300x450_Q75

 Una grande passione per la poesia e la voglia di restituirla nella policromia del dialetto. Un impegno costante che, anche quest'anno, ha premiato il talento di Nino Difilippo al concorso internazionale letterario Demos. 

Per la gioia di tutti i santermani, vogliamo condividere la sua poesia vincitrice. 

 

Sandèrme mije”

Sandèrme… nzìne a na murge profumäte, jé stäte creäte, mménze a spine, chiangune, fenucchjidde, frascédde e sparacine, jé stäte chjandäte…

Lochere, chjise, petä e massarije, honne rejaläte a cusse paise, cundendèzze e grazzije de Ddije…

Sine! Jé stäte nu paise poveridde, fatte de frabbecature, zappature e pastoridde, ma che la fede de Criste sémbe ‘nnanze, honne stäte crestiäne divine, ricche d’amòre e còre geneuine…

Mò, chiudije l’occhijere, e, chè nu strefinzele de fandasije, aggirje pi vije de stu paise mije…

Nzuse o’ Cuménde, mménze a vesazze e cresciule, de vedä, angòre me päre, a Fiorine u uarnamendäre, ca, quanne chè Fesckétte, s’accucchjäve, pè dottore, e massarije, se spacciäve…

Sòpe a vije de Matére, o’ palazze de la stèlle, cchè martedduzze e semenzèlle, stäve Vetuccie, ca, a sópa scapele, quanne jére la staggiòne, fasciäve tèndine pi mòschele p’ògne porte e fenestròne…

Faccembronde, azzicche a scóle guide de méste Araseme Paradise, mménze a zèppere e cannizze, chè mbacce sémbe nu sorrise, stäve Mechéle, ca ndruzzeläve canîstre e panäre, e, assise a seggetédde, piascìvele stórje, a tutte, cundäve…

Aggeranne chi penzîre, vèchje jòsce i còse d’ajire, Ménzafrabbugghje u falegnäme, ca, rasckanne che la chianozze, ne jé allesciäte de fenistre, porte e legnäme…

Vèchije a Tarése la furnäle, cla trainédde, u paise s’aggeräve, e, quanne da nande t’acchjäve, chè nu surrise, te tremendäve e te salutäve…

Mménze o’ Munecipije, dóppe la casèrme di carbenîre, faccembronde a vasche di pèsce russe, stäve Petrücce u caffettîre, chè nu café, na gazzòse e nu spumóne de lusse, a tutte i sandermäne, jé stäte capäsce de fäje alleccä u musse…

Chjù abbàsce, da dréte a San Geséppe, suse a nu pertóne marróne, stäve u dèndiste Bènnaggiäne, cu senäle chjine de sagne, chjù ca dottòre o mbermîre, paräve nu vuccîre, i streminde, sòpe o’ fuéche russe, i desembéttäve, e, quanne, i dinde te treäve, u scenucchjie su, mbîtte te mettäve, a tä, duläve, ma jidde, redäve e candäve…

Scennénne, scennénne, da vije Ladislao, dóppe la cäse de Laurétte la lazzarédde, d’afòre o’ vertigghje de Säve, assise, o’ vanghetidde, tappezzäte de fejure e Sandine, stäve Coline, nu scarpäre sopraffine, ci ‘nge purtive nu päre de scarpe strutte, chè nu picche de mastece, do semenzèlle, nu sòpa tacche, do ménze sóle, pure ci jèrne scassäte, ti faciäve devendä, nòve, lucénde e assedeuäte…

Eh sine, proprije acchessì, jinde a cude vertigghjie, che l’acchjäle sòpe o’ näse, assise a cude banghétte, Coline, paräve adavére, cóme a mastre Géppétte, che la dameggiäne du mîre sémbe a purtäte de mäne, chè cumbäre Scarce e Giuanne Peddavécchije nzimele a jidde, ne jäve aggiustäve scarpe e chjanidde, a seggnure e poveridde...

Scequanne, scequanne, chè nu piattine de räme e na mazze, me jècchije cundénde, sòpe a chianghizze mménze a chiazze, o’ quéste, stäve la petä de Zènzoline, chè trénda lire, na fédde de prevelòne e mortadèlle, t’arreggettive nu sorte de panine, còme nu weccelatìdde bbèlle…

Nghjanénne cchiú suse, do’ còrse, chè minze puèrche, appennute dafóre, stäve la vucciarije de Séppe Cóle, cu furnidde angallesciute còme o sòle, u sabbete la säre, nan’accussendäve a tagghjä fèttine pè fä i brasciòle…

Chisse, jèrne l’anne sèssande, i crestiäne, se respettavene tutte quande, u sabbete la säre, quanne se fernäve de fä la späse de carne e maccarune, ne retramme e casere pè vedä Canzonisseme, la Carrà e i canzune…

Magare, jèrme cchjú poveridde, angòre, ma de secure, cchjú chjine d’amòre, ppè chèsse, mò, Sandèrme mije, te portije stritte, stritte, jinde o’ funne, mbonde o’ còre…

(Traduzione in italiano)

 

 “Santeramo mia”

Santeramo… in braccio ad una murgia profumata, è stata creata, in mezzo a spine, sassi, finocchi selvatici, querce e asparagi, è stata piantata…

Campi, chiese, botteghe e masserie, hanno donato a questo paese, contentezze e grazia di Dio…

Si! È stato un paese poverello, fatto di muratori, contadini e qualche pastorello, ma con la Fede di Cristo sempre davanti, è stato un popolo divino, ricco d’amore e cuore genuino…

Ora, chiudo gli occhi, e con un briciolo di fantasia, giro per il paese mio ed ogni sua via…

Su, vicino al Convento, in mezzo a bisacce e strisce di cuoio, mi pare ancora di veder Fiorino, il sellaio, che, quando col suo amico Fischietto si incontrava, per medico, nelle masserie, si spacciava…

In via Matera, al palazzo della stella, con martello e chiodini, stava Vituccio, che a tempo perso, quando veniva la calda stagione, faceva tendine per le mosche, per ogni porta e finestrone…

Di fronte, attaccato alla scuola guida di Erasmo Paradiso, in mezzo a rami e canne, con il viso sempre illuminato dal sorriso, c’era Michele, che panieri e cestini, intrecciava, mentre, seduto alla sedia, piacevoli storie, a tutti raccontava…

Girovagando con i pensieri, vedo oggi le cose di ieri, Mezzaframbugghia, il falegname, che, raschiando con la pialla, ne ha lisciate di finestre, porte e legname…

Vedo a Teresa la fornaia, che, col carretto, il paese si girava, e, quando ti incontrava, con un sorriso ti guardava e ti salutava…

Nei pressi del Municipio, dopo la caserma dei carabinieri, di fronte alla vasca dei pesci rossi, stava Pietruccio, il caffettiere, con un caffè, una gassosa e uno spumone delizioso, ad ogni santermano ha fatto leccar le labbra in modo gustoso…

Più giù, dietro la chiesa di San Giuseppe, su, ad un portone marrone, stava il dentista Benaggiano, col grembiule imbrattato di sangue, più che infermiere o dottore, sembrava un macellatore, i ferri, sul fuoco li disinfettava, e, quando i denti ti tirava, il suo ginocchio sul petto, ti metteva, a te, doleva, ma lui, rideva e cantava…

Scendendo, scendendo, da via Ladislao, dopo la casa di Lauretta la lazzarella, fuori dal cortile di Sava, seduto al banchetto, tappezzato di figurine e qualche santino, stava Colino, un calzolaio sopraffino, se gli portavi un paio di scarpe consumat

e, con un po’ di mastice, qualche chiodino, un sopratacco e un paio di mezze suole, anche se erano scassate, te le faceva diventare nuove, lucide e aggiustate…

Eh sì, proprio così, in quel cortile, con gli occhiali sul naso, seduto a quel banchetto, Colino, assomigliava davvero, a Mastro Geppetto, con la damigiana del vino sempre a portata di mano, con i compari, Scarcia e Giovanni Peddavecchia, ne ha aggiustate di scarpe, scarponi e ciabattine, a signori ricchi e genti poverine…

Giocando, giocando, con un piattino di rame e una mazza, mi ritrovo contento, sul sagrato della chiesa nel mezzo della piazza, al lato, c’era la bottega di Zenzolino, con trenta lire, una fetta di provolone e una di mortadella, ti mangiavi un panino sostanzioso come una ciambella…

Salendo più su, per il Corso, con mezzo maiale, appeso fuori al sole, c’era la macelleria di Séppe Còle, col fornello caldo come il sole, il sabato sera, non finiva mai di tagliar fettine per far braciole…

Questi, erano gli anni sessanta, la gente si rispettava tutta quanta, e, il sabato sera, quando si finiva di far la spesa di carne e maccheroni, rientravamo tutti a casa, per guardare Canzonissima, la Carrà e le canzoni…

Magari eravamo più poveri, ma di sicuro più ricchi d’amore, per questo Santeramo mia, ti porto stretta, stretta, in fondo al mio cuore…!

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI