Giovedì 26 Aprile 2018
   
Text Size

Neve, obbligo di catene a bordo delle vetture fino a marzo

fiocco-di-neve

Scatta l'obbligo di catene al bordo - o pneumatici da neve - per tutti i veicoli che circolino sul territorio Santermano dal 15 dicembre 2017 al 31 marzo 2018.

A decretarlo l'ordinanza n. 38 del Comando della Polizia Municipale. 

Disposizione per i santermani che si aggiunge a quella prevista dalla normativa nazionale che predispone, per il periodo 15 novembre-15 aprile l'obbligo di essere "muniti ovvero di avere a bordo mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve o su ghiaccio". Un ordine che secondo quanto previsto da una direttiva emanata dal Ministero dei Trasporti, è dotata anche di alcune deroghe che consentono agli automobilisti di poter installare già un mese prima dall'entrata in vigore dell'obbligo (15 ottobre) e la smontare entro un mese dopo la conclusione (15 maggio) le gomme invernali.

 

Montare pneumatici invernali non è solo sinonimo di sicurezza, ma anche evitare sanzioni pecuniarie. In presenza dell'ordinanza comunale, ma anche dell'art.6 del Codice della Strada, tutti gli automobilisti che circolano senza gomme termiche, possono incappare in una sanzione amministrativa davvero salata. Infatti nei centri abitati la sanzione minima è di 41 euro, che può arrivare a 168 euro (come previsto dall'art. 7 commi 1 lett. a) e 14 del Codice della strada). Fuori dai centri abitati invece, su autostrada o strada extraurbana principale o assimilate, la multa minima è di 84 euro per arrivare fino a 335 euro (art. 6 commi 4 lett. e) e 14). In caso di accertamento delle suddette violazioni, viene intimato al conducente, ai sensi dell'articolo 192 commi 3 e 6, di fermarsi oppure di proseguire la marcia solo dopo aver dotato il veicolo di mezzi antisdrucciolevoli. Quando non viene rispettato l'ordine è prevista una sanzione pecuniaria di 84 euro e la decurtazione di 3 punti dalla patente di guida.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI