Domenica 17 Dicembre 2017
   
Text Size

D'Ambrosio: Baldassarre si informi e si adoperi per Piazza Grande

salute-mentale

 

L'eco dell'ultimo Consiglio Comunale risuona in un botta e risposta tra maggioranza e opposizione, fatto di accuse, giustificazioni e rivendicazioni.


Gli umori non sono distesi a causa del diniego, da parte del Presidente del Consiglio, figura super partes e unico imputato a garantire il regolare funzionamento dei lavori, alla discussione in aula del punto su Piazza Grande. Disposizione difesa dal Sindaco e da tutti i Cinque Stelle poiché rientrava in una materia di cui il Consiglio non è competente.

Nel merito della questione è intervenuto Baldassare con un proprio comunicato sulla sua pagina Facebook, in cui, riportando una ricostruzione dei fatti che sembra contemplare genesi e sviluppo del centro, commette errori di ricostruzione e valutazione che D'Ambrosio non sembra voler perdonare.

"Sono obbligato ad intervenire mio malgrado - dichiara D'Ambrosio nel comunicato giunto in redazione, rappresentando i tre partiti della sua coalizione (Sinistra Italiana, Continua il Sereno, I Democratici)- sulla questione Piazza Grande a seguito di dichiarazioni del Sindaco Baldassarre."

"Nel trattare argomenti amministrativi che non meritano polemiche - aggiunge D'Ambrosio - il Sindaco fa confusione tra due diversi Centri: il Centro Funzione per pazienti di salute mentale e il Centro di socializzazione Piazza Grande. Lo comprendo dimostra di non conoscere ancora la differenza! Il primo Centro nasce nel 2006 voluto fortemente dal Comune di Santeramo, dall’Asl e dall’associazione Speranza, in rappresentanza delle famiglie. Il Centro funzione era una "costola" del Centro di Riabilitazione di Acquaviva che era frequentato da diversi nostri Concittadini, gestito dalla
società cooperativa Auxilium. Era una Centro alle dipendenze del DSM (Dipartimento di Salute Mentale) quindi a tutti gli effetti sanitario perché curava, in riabilitazione, soggetti in fase acuta. Gli spiego meglio: Centro Funzione perché strutturalmente dipendente da quello sanitarioriabilitativo di Acquaviva. La nostra Città non poteva avere un Centro Struttura perché, nella ripartizione sanitaria, al nostro distretto di Salute mentale toccava ad Acquaviva mentre un altro era
collocato a Grumo. Era dunque un Centro per Acuti per la cui apertura aveva aderito come co-finanziatore il Comune di Santeramo interessato a lenire le ferite delle Persone in fragilità mentale e delle loro famiglie che
erano costrette tutti i giorni a viaggiare verso Acquaviva. Aggiungo che, non è vero come sostiene Baldassarre, che era “senza aggravio di costi per la comunità” in quanto il Comune affinché si avviasse contribuiva economicamente con ca. 30 mila euro annui."

Spese annue che negli anni di Piazza Grande hanno permesso al Comune di Santeramo un risparmi di 120 mila euro. Centro che è stato costituito nel 2013 con una diversa forma e una differente azione terapeutica.

"Piazza Grande - spiega D'Ambrosio - invece è un Centro di socializzazione per post acuti quindi per stabilizzati. Dunque una diversa azione “terapeutica” prevalentemente socioassistenziale e con limitati interventi sanitari di sostegno e mantenimento delle condizioni di salute mentale contribuendo alla integrazione sociale nella vita della Comunità cittadina. Penso che si sappia bene la differenza tra acuti e stabilizzati e che in questa differenza c'è una diversa competenza negli interventi tra Enti locali e Asl soprattutto nella gestione dei Servizi."

Un'eccellenza del nostro paese per cui lo stesso D'Ambrosio, confermando quanto riportato da Baldassarre, aveva chiesto una forzatura alla Regione presso il Coordinamento istituzionale dei Piani Sociali di Zona. Una richiesta che l'ex Sindaco rivendica con forza: "Confermo, è vero! Il Centro di socializzazione Piazza Grande infatti deve essere considerato e inserito nelle Buone Pratiche nel campo della disabilità della Regione Puglia. Si deve “trasformare in ordinario ciò che fino ad oggi è stato progettato e realizzato come sperimentale e che ha dato e continua a dare ottimi risultati. Il nostro Centro di socializzazione costituisce un servizio di eccellenza che va codificato nel regolamento regionale. Per questo si deve continuare a lavorare! Si deve chiedere la stessa modifica del regolamento regionale per i Cittadini non più acuti di salute mentale così come già fatto per altri Cittadini fragili che nel 2007 non erano emersi nella legislazione! Precedenti? Certo che ce ne sono. Il regolamento regionale 4/2007 infatti non conteneva la previsione di Servizi specifici per Cittadini affetti dal morbo di Alzheimer, ebbene la Regione ha posto rimedio aggiungendo nel febbraio 2010 l’art. 60 ter prevendendo finalmente l’istituzione di Centri socioassistenziali dedicati a seguito di sperimentazioni che avevano dato ottimi risultati e che avevano convinto il legislatore regionale ad attivarsi. Ma di queste situazioni chi non se n’è mai occupato difficilmente ne è a conoscenza."

Una forzatura per cui, contrariamente da quanto sostenuto da Baldassarre, D'Ambrosio si è fatto effettivo promotore presso i Piani Sociali di Zona: "Il coordinamento istituzionale dell’Ambito territoriale dei Piani di Zona, che su mia richiesta, ha deliberato l’avvio della istanza di riconoscimento delle Buone Pratiche alla Regione, si è riunito il 22 marzo 2017,purtroppo, però, il nostro Consiglio Comunale è stato sciolto il 30 marzo successivo per cui non ho avuto la possibilità di seguirne l’evoluzione. Baldassarre però ha avuto tempo per farlo da fine giugno ad oggi, ben sei mesi! Spero che finalmente si attivi".

Un passato colmo di rammarico cui si sovrappone, nella parte finale del comunicato, un sano senso di speranza per la gestione della questione.

"Ma veniamo all’oggi con lo sguardo al futuro - conclude D'Ambrosio - io metto al Servizio del mio Comune e dell’Amministrazione, se lo riterrà, tutta l'esperienza maturata negli anni in questo particolare ambito. Nessuna ambizione se non
raggiungere gli obiettivi che in passato faticosamente abbiamo conseguito e che purtroppo rischiamo di perdere definitivamente. Non mi fermerò fino a quando i nostri diversabili e i nostri Concittadini in difficoltà non saranno soddisfatti nell’ottenere il loro diritto ad essere seguiti nel reinserimento pieno e responsabile nella nostra vita sociale".

Commenti  

 
#13 luca rossi 2017-12-07 14:59
questi sono maggioritaristi quando gli altri sono proporzionalisti e viceversa.
credo che non sappiano nemmeno cosa sia un sistema elettorale, dato il contesto storico politico dato.
che desolazione.
 
 
#12 DESPOTA E RANCOROSO 2017-12-05 17:33
Dell'ex sindaco può importarci sino ad un certo punto. Se invece chiuderà il centro per disabili saranno cavoli amari per tanti cittadini
 
 
#11 Mauro 2017-12-05 17:24
I dati che ho postato sono corretti in quanto indicano il risultato finale (fonte Ministero/Repubblica/Corriere), come anche i tuoi che indicano invece il totale voti lista, quindi barare lo vai a dire a qualche altro.
Ti ricordo che il movimento 5 stelle non ha vinto al primo turno, ma grazie a tutti i voti (ben il 70,14%) del ballottaggio! Quel 83,68% di cui parli poteva benissimo votare per Nuzzi se odiava così tanto il movimento. Ma tu alla "Forese maniera" decidi sui gusti politici degli altri ignorando i risultati.
Inoltre è ovvio che ci deve essere una legge elettorale comunale con il sistema maggioritario altrimenti è il chaos (come avviene appunto a livello nazionale a causa delle leggi elettorali incostituzionali votate dai partitelli che tanto difendi).
 
 
#10 LOGOARE 2017-12-05 12:14
AHA DAMBROSIO DEVI ROSIKA' FATTE UNA RAGIONE QUESTI DURERANNO 5 ANNI, E TU A VIA DE ROSIKA' TRA CINQUE ANNI IL FEGATO TE SCOPPIERA' .
 
 
#9 Il bulgaro 2017-12-04 23:54
Aaaaaaaahhhh! Finalmente qualcuno che ragiona! Tanta spocchia avendo solo il 16 per cento del consenso elettorale! Avendo due orecchie ed una sola bocca, imparate ad ascoltare il doppio delle cose che dite
 
 
#8 DESPOTA E RANCOROSO 2017-12-04 18:04
Uè Mauro non barare. ha ragione il sig. bulgaro. alle elezioni di giugno il Movimento Cinque Stelle ha preso 2457 di lista pari al 16,32%. quindi l'83,68% dei santermani hanno votato per tutti gli altri partiti che tu odi tanto ma evidentemente piacciono molto più del M5S!!! questi sono fatti e numeri da non dimenticare.
ora, fate una statua a chi tanti anni fa ha creato la legge elettorale comunale che con il sistema maggioritario ed il sistema del ballottaggio vi da comunque la maggioranza in consiglio comunale di 11 contro 6.
CIOE' CON IL 16,32% DEI VOTI AVETE IL 64,7% DEL CONSIGLIO COMUNALE. NON LO DIMENTICATE MAI. SIATE PIU' UMILI E RESPONSABILI
 
 
#7 Isidoro 2017-12-04 17:44
Per voi 5 stelle tutte le iniziative che prendono gli altri partiti sono incostituzionali. SOLTANTO VOI AVETE IL VERBO DLLA VERITà. iO DICO CHE PIù CHE UOMINI SIETE DEI SANTI. E non enfatizzate troppo il voto al secondo turno. E' stato un voto contro i vecchi marpioni della destra E non proprio unvoto dato perchè convinti delle vostre performance, tutte da dimostrare.
 
 
#6 Mauro 2017-12-04 16:17
Primo turno 3469 voti con il 21,89%
Ballottaggio 8.710 voti con il 70,14 %

La mania di grandezza ed onnipotenza la hanno PD, FI, Lega e tutti coloro che anche a livello locale li appoggiano ancora, visto che hanno recentemente votato la terza legge elettorale incostituzionale. Dormi bulgaro dormi
 
 
#5 Il bulgaro 2017-12-04 01:31
Vista la mania di grandezza ed onnipotenza dei 5 stelle paesani, mi sorge spontanea una domanda: alle ultime elezioni comunali che percentuale hanno preso come lista? Il 99%? O come ricordo io una roba tipo il 15%? Della serie che l 85% degli elettori non li ha votati, senza contare gli astenuti. Se così fosse, dopo il rigraziare quotidianamente la legge elettorale maggioritaria che gli consente comunque di governare, dovrebbero umilmente scendere un po dal piedistallo
 
 
#4 Luca rossi 2017-12-03 22:56
Il politico come scrisse machiavelli deve essere leone e volpe, ma senza dilungarmi, meglio pecora che caprone.
 
 
#3 DAmbrosie 2017-12-03 16:38
D'Ambrosieeeeee la maggior parte dei santermani non ti vuole più, fattene una ragione, è inutile che provi ad aizzare quei pochi seguaci che ancora ti seguono contro l'attuale giunta, strumentalizzando anche i disabili. Sei il classico religioso che si finge pecorella ma è esattamente l'opposto!
 
 
#2 Isidoro 2017-12-03 10:33
Incompetenti e presuntuosi questi 5 stelle, come dimostra questo Michele del 69. D'ambrosio non vuole cadreghini ma vi mette a dispisozione la sua decennale esperienza per aiutare chi è in difficoltà.
 
 
#1 Michele69 2017-12-03 08:25
Michele D'ambrosio dovrebbe prendere coscienza che non è piu Sindaco di Santeramo. Quindi lasci lavorare l'attuale amministrazione!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI