Martedì 17 Ottobre 2017
   
Text Size

La Banda di Santeramo protagonista della Processione dei Misteri a Bari

17948694 1142196445903848_2114683880_o

 

Le bande musicali di Santeramo in Colle "U. Minervini" e Cassano delle Murge "Santa Maria degli Angeli" protagoniste assieme alle bande di Ferrandina e Pomarico della "Processione dei Misteri" di Bari.

Anche quest’anno la “Processione dei Misteri” che si svolge a Bari, il 13 Aprile per il Venerdì Santo, suscita interesse da parte dei fedeli che assiepati, gremiscono come ogni anno le strade della città, ed è considerata una delle più importanti manifestazioni religiose della zona, risale almeno al XVIII secolo.

Nella seconda metà del '700, come ci racconta Padre Giovanni Distante, Sottopriore Sacrista della Basilica - Redattore del Bollettino di San Nicola - Redattore di O Odigos responsabile dell’associazione “Pia Unione Portatore e Misteri della Passione di Nostro Signore Gesù Cristo”, si tenevano nel giorno del Venerdì Santo, due processioni con le statue raffiguranti vari personaggi strettamente legati all’avvenimento della Passione di Gesù. La prima, e sembra la più antica, veniva organizzata dalla confraternita della Purificazione, con la partecipazione dei Frati Francescani Riformati. Questa processione era detta “ della Vallisa” dalla chiesa in cui erano conservate le statue. La seconda era organizzata dai Frati Minori Osservati di S. Pietro delle Fosse la cui chiesa era nelle vicinanze del porto. Con la soppressione napoleonica degli Ordini religiosi nel Regno di Napoli del 1809, le statue dei “ Misteri” di S. Pietro delle Fosse vennero trasferite, su richiesta di un gruppo di negozianti e marinai, nella chiesa di S. Gregorio annessa alla Basilica di S. Nicola, col palese intento di voler continuare la tradizione della processione. I richiedenti appartenevano, infatti, ad una associazione denominata “ della Passione e Morte di Nostro Signore Gesù Cristo”, i quali già da tempo organizzavano la processione in antagonismo con quelli della Vallisa. A motivo dei disordini causati dalla animosa rivalità dei due gruppi di S. Gregorio e della Vallisa, l’Arcivescovo di Bari mons. Michele Clary, ordinò nel 1825, che le due processioni si alternassero negli anni: quella della Vallisa negli anni pari e quella di S. Giorgio negli anni dispari. E ancora oggi si rispetta questo decreto.

Quest’anno 2017, (anno dispari), la processione dei Misteri viene organizzata dalla Confraternita di S. Gregorio, uscendo dalla Basilica di S. Nicola, nel cuore della città vecchia. Le statue di S. Gregorio vengono popolarmente chiamate in dialetto barese «le Sande vendeluse», cioè i Santi del vento, perché i confratelli della Vallisa auguravano a quelli di S. Gregorio una processione “martoriata” da forte vento. Le statue portate in processione sono in tutto dieci: Gesù nell’orto (Criste all’òrte), San Pietro (Sande Pìite), Gesù alla colonna (Criste a la chelònne), Ecce Homo (Criste a la cannèdde), Gesù che porta la croce (Criste che la cròscia n-guèdde), San Giovanni (San Giuànne), la Maddalena (la Matalène), il Calvario (U’ Calvàrie), Gesù Morto (Gesù Muèrte) coperto da un velo ed infine la Addolorata (La Ndeloràte). Rispetto alla processione dei Misteri della Vallisa vi è la presenza di una statua in più, quella della Maddalena; questo perché nella processione della Vallisa la Maddalena è un tutt’uno con il Calvario, essendo raffigurata inginocchiata ai piedi di quest’ultimo. Il percorso della processione si articola in diverse fasce orarie e luoghi diversi, partendo dalla Basilica di S. Nicola, attraversando le varie stradine del centro storico per poi percorrere la parte nuova della città, fino a ritornare alla Basilica di S. Nicola.

Questo il programma.

Dalle ore 9.00, relativamente al passaggio della processione, e comunque fino a termine manifestazione, sul seguente percorso: Basilica San Nicola (partenza), piazzetta 62 Marinai, strada Martinez, strada Santa Maria del Buonconsiglio, piazza S. Pietro, strada Santa Teresa delle Donne, largo Ospedale Civile, via Pier l’Eremita, strada Santa Chiara, strada S. Luca, via delle Crociate, strada Carmine, strada San Marco, piazzetta Sant’Anselmo, strada Palazzo di Città, via Fragigena, piazza Mercantile, strada degli Orefici, strada De’ Gironda, strada S. Bartolomeo, piazza Chiurlia, corte Colagualano, largo San Sabino, via Ronchi, Strada dei Dottula, piazza dell’Odegitria (arrivo in Cattedrale di Santa Maria Assunta – ore 13,30 circa) Dalle ore 15.30, relativamente al passaggio della processione, e comunque fino a termine manifestazione, sul seguente percorso: Cattedrale di Santa Maria Assunta (partenza), piazza dell’Odegitria, piazza Federico II di Svevia, via Boemondo, strada Palazzo dell’Intendenza, piazza Chiurlia, via Roberto il Guiscardo, strada Vallisa, piazza del Ferrarese, piazzale IV Novembre, corso Cavour, via Beatillo, piazza Umberto I, via Nicolai, via Trevisani, via Abate Gimma, via Sagarriga Visconti, largo Nitti Valentini, corso Vittorio Emanuele II (sosta con preghiera antistante il Palazzo Comunale – ore 20,00 circa), piazzale IV Novembre, piazza del Ferrarese, via Venezia, largo mons. Ruffo, strada S. Scolastica, strada Martinez, piazzetta 62 Marinai, Basilica San Nicola (arrivo).

 

 

Commenti  

 
#2 Ricky 2017-04-15 15:26
Mancano i fondi
Però considera che le offerte in chiesa le chiedono
 
 
#1 pekkato 2017-04-14 14:32
grande pekkato nn vedere più la banda cittadina qui a santeramo dietro la nostra solenne e bellissima processione dei misteri ke rispetto a quelli degli altri paesi e una delle più lunghe partecipata e commovente...nn so xke da qualke anno nn ce più nessuna banda...qualkuno sa dirmi xkè??
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI