Martedì 17 Ottobre 2017
   
Text Size

Ecotassa al massimo per i santermani: ecco perchè

rifiuti

 

Ancora Ecotassa al massimo: 25,82 euro per ogni tonnellata conferita in discarica!

Lo spiega in una nota “Santeramo 5 Stelle” che attribuisce la responsabilità all’Amministrazione D’Ambrosio.

“L’eccesso di cantieri aperti nelle ultime settimane (?) – scrive il Movimento santermano - avrà sicuramente disorientato gli amministratori locali, che purtroppo (per noi cittadini) non hanno inviato in maniera idonea alla sezione regionale “ciclo dei rifiuti” i documenti previsti dalla legge regionale 16\2015 per la validazione della percentuale di raccolta differenziata del Comune allo scopo di determinare l’aliquota del tributo speciale per il conferimento in discarica dei rifiuti solidi urbani.

Abbiamo avuto riscontro di questo, non dalla pagina facebook del Sindaco (ormai ritenuto da alcuni unico organo di informazione “superpartes” a Santeramo) ma bensì dalla DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE CICLO DEI RIFIUTI 25 agosto 2016, n. 211 (consultabile sul sito della Regione Puglia).

Si evince infatti testualmente che “la documentazione trasmessa dai Comuni di Santeramo in Colle e Volturino risulta essere non idonea alla verifica del raggiungimento dell’obiettivo”, l’obiettivo è appunto quello della determinazione dell’aliquota, che dunque resta quella massima: 25,82 €\ton.

E pensare che le premesse a inizio mandato erano state positive, quando il Primo cittadino invitò il Sindaco di Rutigliano per esaminare il “porta a porta”, metodo usato ormai quasi ovunque per ridurre la quantità di rifiuti conferiti in discarica, ma che a Santeramo è stato ritenuto “non conveniente”.

Solo un piccolo aumento della raccolta differenziata o magari, ancora più semplice da attuare, una raccolta dell’umido efficiente (che rappresenta la maggiore parte del conferito) avrebbe comportato un ecotassa molto minore, pari solo a 7,5 €\ton! Tanto infatti pagano, ad esempio, nella vicina Gioia del Colle, città che non ha brillato negli scorsi anni per buona amministrazione, ma è stata anzi commissariata dopo l’arresto del Sindaco!

Qualcuno vorrà difendere questa amministrazione addebitando le colpe agli ARO (ambito raccolta ottimale che raccoglie più comuni) che stentano a portare a termine il loro lavoro, ma non può bastare, perché, come dimostra il Sindaco neo eletto di Noicattaro (M5S), molto si può fare con la sola volontà politica e in attesa degli ARO: si potrebbe potenziare il servizio di raccolta con una maggiorazione di costo che verrebbe compensata dalla riduzione dell’ecotassa e della tariffa per il conferimento in discarica, ciò creerebbe anche posti di lavoro senza maggiori spese per i cittadini”.

Così conclude la nota: “25,82 €\ton è il prezzo dell’ecotassa oppure il costo dell’incapacità di qualcuno di coloro che occupano il nostro Comune? Ai cittadini il compito di trarre le conclusioni”.

 

Commenti  

 
#3 Ahiahiahiiiiiii 2016-09-15 20:19
Siete arretrati! Quando imparerete a fare la raccolta differenziata come da anni la facciamo noi? Non è difficile, si è vero che nel nostro paese c'è solo qualche santermano che non è in grado di attuarla e va cestinando rifiuti a destra e sinistra per la murgia. Caso vuoi trattasi proprio di un cittadino santermano che abita in via Santeramo.....eheh. Non è proprio cosa vostra farla? Il prossimo mese cominciano ad acquaviva delle fonti....e voi quando?

Approfitto per annunciare alla vostra Associazione camionisti che tra un pò Cassano "Vieterà" il passaggio dei mezzi pesanti e quindi cominciate a trovare altre strade per andare a bari miei cari e menefreghisti camionisti di Santeramo perchè noi siamo stufi dell'inquinamento acustico e ambiantale che ci regalate da anni orsono!
 
 
#2 lamuraro 2016-09-14 13:15
allora?
dovremmo prendere la muraro?
 
 
#1 xms5 2016-09-14 08:22
Parole in libertà.
L'ambito di raccolta ottimale, lo dice lo stesso aggettivo, è definito tale proprio perchè permette di ottimizzare tutti i servizi connessi alla raccolta, purchè differenziata dai cittadini.
Più che potenziare la raccolta (ma che significa?) occorre educare (costringere?) il cittadino a servirsi correttamente dei bidoni.
Esemplifico perchè sembra che in adulti e non tali il concetto sfugge: Nel bidone della carta NON vanno inserite scatole piccole che non siano piegate, NON vanno inseriti i giocattoli rotti, NON vanno inseriti i contenitori di polistirolo, NON vanno inserite le bottiglie di plastica. In mancanza di ciò il contenuto del tal bidone finisce in discarica non differenziato.
Se la redazione lo permettesse manderei anche i disegnini come si fa con i bambini dell'asilo.

LA REDAZIONE

Li invii....perchè no?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI