Domenica 17 Dicembre 2017
   
Text Size

Turismo, anche a Santeramo apre lo IAT

murgia 

Anche quest'anno la Puglia si è dimostrata una delle mete più ambite dai turisti. Spiagge pienissime, ma Federalberghi esulta soprattutto per l'incremento nelle città. A Bari e provincia si è registrato un aumento del 20%.

 Santeramo si prepara ad accogliere un numero sempre più alto di turisti ristrutturando luoghi di assoluto interesse storico artistico, Grotte Sant'Angelo e Masseria Galietti, predisponendo l'istituzione di un grande museo storico-archeologico-contadino e una sezione virtuale su Francesco Netti e siglando l'accordo tra l'agenzia PugliaPromozione, strumento operativo delle politiche della Regione in materia di promozione dell’immagine unitaria della Puglia, e l'amministrazione comuncale di Santeramo in Colle per la riqualificazione della rete informativa locale, istituendo l'ufficio di Informazione e Acoglienza Turistica (IAT).

Gli uffici IAT, dislocati in tutto il territorio nazionale, svolgono funzioni di promozione del patrimonio turistico, paesaggistico, storico, artistico ed enogastronomico locale, anche mediante il sostegno delle Pro Loco, delle associazioni di imprese e delle associazioni senza fini di lucro del settore. Assicurano i servizi d’informazione, distribuendo materiale promozionale sulle attrattive turistiche di un determinato territorio, ma anche di ambiti più vasti quali provinciale e dell’intera regione; inoltre forniscono informazioni sull’organizzazione dei servizi, sulla disponibilità ricettiva, di ristorazione e sull’offerta di servizi turistici, di itinerari di visita ed escursione personalizzati del territorio di cui promuovono il prodotto turistico, possono altresì svolgere attività di prenotazione dei servizi turistici locali.

 

Il progetto di collaborazione tra Comune e PugliaPromozione e l'istituzione dello IAT  mirano a potenziare il servizio di Informazione Turistica e, attraverso politiche sinergiche di marketing territoriale, si punta ad una riqualificazione estetica e attrattiva del territorio, assicurando l’integrazione delle iniziative e attività di valorizzazione delle risorse ambientali e culturali e delle produzioni territoriali che ricadono nelle aree di competenza del territorio dell'Alta Murgia.

 

L'istituzione dello IAT, per cui si attende la delibera di giunta, sembra essere un ottimo punto di partenza per la creazione di un'importante rete turistica locale che valorizzi, al tempo stesso, bellezze e strutture ricettive del territorio. Sede dello IAT sarà il Palazzo Marchesale, due stanze al piano terra, e si avvarrà, in forma sussidiaria, della collaborazione della Associazione Pro Loco per la sua gestione.

 

Commenti  

 
#1 che senso ha? 2016-09-01 10:55
Che senso ha istituire lo IAT adesso? Non sarebbe più logico investire le stesse risorse per creare qualche attrazione turistica stabile a Santeramo? Se qualcuno si reca allo IAT e chiede: "cosa posso vedere a santeramo" cosa gli rispondono??? Vedete cosa fanno a Gravina ed Acquaviva, per esempio!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI