Domenica 22 Ottobre 2017
   
Text Size

“Se la gioventù ne negherà il consenso, anche l’onnipotente e misteriosa mafia svanirà come un incubo”.

paolo borsellino 

Riceviamo e pubblichiamo

 

Erano queste le parole che ripeteva di continuo Paolo Borsellino, di cui certamente non serve farne presentazione.
Il suo lavoro di lotta contro l’attività criminosa e nello specifico mafiosa lo ha reso famoso non tanto per la dedizione, ma soprattutto per la tenacia e per la determinazione che il 19 luglio di 24 anni fa ha pagato questi suoi pregi con la sua stessa vita.
Paolo Borsellino, senza prenderci in giro, è stato lasciato solo nel momento in cui avrebbe dovuto avere la massima protezione.
E’ stato lasciato solo dalle istituzioni, ma soprattutto da chi gli orbitava e avrebbe dovuto preservarlo.
Il suo ricordo è ancora presente in tutti noi e di certo figure del genere non possono e soprattutto non devono essere dimenticate!
Il gruppo giovanile dei Conservatori e Riformisti di Santeramo in Colle ricorda Paolo Borsellino nell’anniversario della sua morte e tutte le vittime di mafia, soprattutto si pone al fianco dei magistrati che attualmente rischiano costantemente la loro vita.

Il gruppo giovanile Conservatori e Riformisti ringrazia queste figure, poiché attraverso il loro operato possano essere di esempio per tutte le future generazioni

Il movimento giovanile

Conservatori e Riformisti giovani Santeramo

 

Commenti  

 
#1 la grammatica!!! 2016-07-21 08:05
"le" negherà il consenso!
Errore dell'articolista o lapsus dei famigerati correttori di bozze dei giovani di Santeramo?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI