Lunedì 15 Ottobre 2018
   
Text Size

AGITAZIONE PER I VIGILI URBANI

pizzardoni

  Dal titolo si potrebbe capire che i vigili urbani di Santeramo siano preoccupati per l’aumento di lavoro in occasione delle festività natalizie. In parte è vero. L’agitazione non dipende solo da ciò, ma ci sono problemi ben maggiori e per questa serie di motivi i vigili urbani di Santeramo dichiarano lo stato di agitazione. Si dicono irritati per il mancato rispetto degli accordi presi da parte dell’amministrazione comunale. 

  Una serie di problemi investono il corpo delle guardie municipali che, spesso malviste, svolgono un lavoro spesso encomiabile. Innanzitutto ai vigili in servizio durante le festività di Sant’Erasmo non sono stati pagati gli straordinari. In un periodo di crisi a livello globale, la situazione è comprensibile, ma poco giustificabile. Al momento della redazione del regolamento per il corpo di polizia municipale, lo stesso organo fornì consigli e materiali utili alla redazione.

  Le inefficienze non riguardano soltanto la parte teorica. I pizzardoni, come sono chiamati affettuosamente sulle rive del Tevere, sono sprovvisti  di ricetrasmittenti, pur approvate in bilancio, ma mai acquistate. È una carenza evidente, che impedisce il normale svolgimento delle funzioni e la mancanza di comunicazione, in casi di emergenza, può spesso essere letale in casi di incidenti. Per comunicare sono costretti a usare i telefonini personali. Altro nodo è la nuova sede degli uffici della Polizia municipale. Era stato chiesto un incontro per risolvere la questione con una lettera datata 23 novembre, ma alla quale non è giunta risposta.

  Per questo motivo i vigili urbani dichiarano lo stato di agitazione e invitano i colleghi a non svolgere mansioni oltre l’orario di servizio e invitano il prefetto di Bari a prendere atto di quanto accaduto. Al sindaco Lillo chiedono di individuare le responsabilità per il mancato pagamento delle prestazioni effettuate e chiedono un incontro nel quale si possa affrontare la situazione, compresa quella della sistemazione degli uffici.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI