Domenica 22 Ottobre 2017
   
Text Size

Diamo lustro al Palazzo Marchesale

logo stand_by_santeramo 

Riceviamo e pubblichiamo

 

Un luogo aperto e pulsante nel cuore del paese, uno spazio a disposizione di energie giovani e idee nuove per lo sviluppo del territorio.
Questo diventerà, nel prossimo futuro, Palazzo Marchesale, grazie a un innovativo progetto messo a punto dal circolo Arci “Stand By;” e finanziato, attraverso il Bando “Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici”, dal Dipartimento della gioventù e del Servizio civile nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

All’ufficializzazione mancano solo alcune formalità, nella giornata di ieri la documentazione richiesta dal Ministero è partita per Roma, e la pratica può dirsi completata.

Dal circolo trapela grande soddisfazione:
In queste ore - spiegano in una nota i componenti del direttivo -  in tanti ci stanno contattando per congratularsi con noi per il progetto con cui siamo riusciti a vincere questo bando ministeriale. Un successo a cui abbiamo lavorato molto e a lungo; il progetto risultato vincitore è infatti il frutto
un percorso iniziato nel 2012 e costato mesi di confronto, studio, ricerche e sacrifici. 

Oggi, lunedì 1 febbraio 2016, possiamo comunicare di avere inviato a Roma tutta la documentazione richiesta e di essere ora in attesa della convocazione per la firma definitiva del finanziamento.
Vogliamo ringraziare tutti coloro che hanno riconosciuto il nostro impegno; abbiamo intenzione di costruire una struttura in grado di incontrare le esigenze dei giovani e della comunità, valorizzando e restituendo alla città.
Palazzo Marchesale è stato, fino ad oggi, un bene pubblico usato al disotto delle sue possibilità; il nostro fine è quello di investire le risorse economiche che siamo riusciti a intercettare, per attrezzare e condividere gli spazi concessi (alcune stanze dei piani superiori) per farne un ambiente di coworking: uffici condivisi, giovani creativi, idee, spazi per liberi professionisti, nuove competenze.


Uno spazio per tutti, uno spazio di tutti, ed è per questo che, invitiamo coloro che abbiano delle idee da mettere in circolo, a scriverci all'indirizzo email  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. "> Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .


Da subito partirà intanto una comunicazione capillare a disposizione di chiunque voglia saperne di più.

I tuoi sogni sono in “Stand by;”


 

Commenti  

 
#12 GINO LABARILE 2016-02-05 20:03
Se il sig. Max si presenta in segreteria al comune con un documento di identita' e mi chiede un appuntamento saro 'felice di fargli una lezione sul COWORKING
 
 
#11 Santermano 2016-02-05 18:08
Essere riusciti a recuperare 200.000,00 euro va bene e complimenti a chi è riuscito a far questo, ma i beni comunali vanno utilizzati per tutta la collettività e non per gli amici degli amici, anche se questi ragazzi sono bravi a portare avanti determinati progetti. Il movimento politico Noi con Salvini credo che abbia voluto mettere in risalto l'ennesima usurpazione di beni pubblici a favore di privati, VEDI ROMA CAPITALE.
 
 
#10 Max 2016-02-05 17:34
A me sembra che Labarile abbia fatto quella dichiarazione per sviare l'attenzione sulla questione parcheggio.ti basta come risposta Franco?
Si spara sui giovani in gamba per poter continuare a comandare e a fare quello che si vuole.
 
 
#9 per Franco Porfido 2016-02-05 09:47
franco se tu scrivi che il progetto è una porcheria sei tu che devi spiegare perché è una porcheria! se Labarile ti diceva di buttarti nel pozzo .............
complimenti per la professionalità
 
 
#8 max 2016-02-03 16:33
bravi ragazzi. se il Ministero ha voluto finanziare questo progetto con 200 mila euro ci sarà un motivo.
ma sono sicuro che questo sig. Vangelo, come il consigliere Labarile, non sanno nemmeno cos'è un COWORKING. Forse sono più contenti se quegli spazi rimangano chiusi o se sono loro a decidere a che darli.siete penosi e vecchi, dentro e fuori.
Mi chiedo come mai il cons. Labarile non si interessa di altri spazi pubblici destinati ad associazioni o aziende?
 
 
#7 Ghei 2016-02-03 14:43
Magari nel Palazzo Marchesale possiamo organizzare dei bellissimi matrimoni Gay! Bellissima idea! il turismo s'impennerà a Santeramo.
 
 
#6 francoPorfido 2016-02-03 14:36
Bravi, bravissimi. Inizio sempre in questo modo i miei rari commenti senza il vile anonimato di gente frustrata. Questa volta i miei aggettivi li rivolgo all'Arci Stand by per aver saputo intercettare un cospicuo finanziamento. Però chiedo loro: perché l'amico Gigino Labarile parla di "porcheria". Cosa c'è di sporco in questa storia. Le cose sporche partono male e finiscono peggio.
 
 
#5 family day 2016-02-02 23:10
diamo il palazzo a gente che è a favore dei matrimoni gay!!!
 
 
#4 santi in paradiso 2016-02-02 23:07
vangelo perchè non ci metti la faccia cosi ti prendi una denuncia!
 
 
#3 invidiosi 2016-02-02 23:06
solo invidiosi
questa associazione a vinto un banco con un progetto, una idea non con documenti.
il ministero li ha premiati con 200.000 € e a voi questo da fastidio.
probabilmente non sapete conoscete neanche il progetto.
 
 
#2 giuseppe Molinari 2016-02-02 20:10
pronti partenza e via alle cazzate
 
 
#1 Vangelo 2016-02-02 15:04
A roma sono stati spediti documenti falsi. Abbiamo un precedente . Piazza berlinguer.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI