Domenica 17 Dicembre 2017
   
Text Size

Atteso grande afflusso per il nuovo family day

family day_2016 

Riceviamo e pubblichiamo

 

 

Considerato il grande riscontro di adesioni e un previsto afflusso di molto superiore rispetto alla manifestazione dello scorso 20 giugno, il Comitato Difendiamo i Nostri Figli ha valutato di modificare il programma del Family day che si terrà sabato 30 gennaio a Roma, annunciando un raduno statico al Circo Massimo.

 

Per agevolare gli arrivi, l’area di Circo Massimo sarà accessibile dalle ore 12.00; la manifestazione inizierà alle 14.00 e si concluderà alle 16.30. Il programma dell’iniziativa sarà comunicato nei prossimi giorni; sono comunque già previsti interventi di diverso taglio da parte di esperti giuristi, testimonianze di famiglie, e le conclusioni del neurochirurgo e presidente del comitato "Difendiamo i Nostri Figli", Massimo Gandolfini. “Con grande soddisfazione, abbiamo registrato, fin da subito, una massiccia risposta alla convocazione del Family day, da tempo richiesta a gran voce e con determinazione dal nostro popolo, – spiega il prof. Massimo Gandolfini - tanto che il favore incontrato ha spinto il comitato al cambiamento di piazza e di programma”.

Il Comitato Difendiamo i Nostri Figli, promotore del Family Day del prossimo 30 gennaio al Circo Massimo di Roma, comunica che da ieri è attiva la piattaforma on-line ufficiale dell'evento, all'indirizzo www.familyday2016.itIl portale raccoglie tutte le informazioni necessarie per raggiungere Roma tramite pullman (comunicando con urgenza ogni informazione utile alla mail  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. " target="_blank" style="color:rgb(17, 85, 204)">trasporti@difendiamoinostrifigli.it) e treno (con i pacchetti di sconto propri dei servizi di Trenitalia e Italo).

 

Comitato "Difendiamo i nostri figli"

 

 

 

Commenti  

 
#4 Isa 2016-01-30 11:47
E' sempre bene ricordare che il marito della Mussolini, sostenitrice accanita del family day, ha avuto rapporti sessuali accertati con una minorenne. Per la precisione una minorenne coetanea dei propri figli. Per non parlare di Roberto Formigoni, altro sostenitore del family day, che convive da 20 anni con il suo "amico" Alberto Perego a Milano. Ipocrisia a vagonate
 
 
#3 @#1 Mauro 2016-01-28 15:21
Non i figli generici, si chiama "Comitato Difendiamo i Nostri Figli". Ok, ma da chi?
Cfr. Wikipedia: "Secondo i dati raccolti da Telefono Azzurro e pubblicati nel Rapporto Nazionale sulla Condizione dell'Infanzia e dell'Adolescenza[15], quasi il 60% degli abusi su minori avviene in famiglia..."
Ergo questi benestanti vogliono che qualcuno difendesse i loro figli principalmente dalla loro stessa famiglia!
Allora li mandassero in oratorio (e qui lascio a loro il compito di farsi una ricerca per vedere cosa avviene dove ci sono persone che vivono in castità obbligatoria).
 
 
#2 fax 2016-01-28 14:50
ora pro nobis
 
 
#1 Mauro 2016-01-27 22:40
Difendere i figli da chi o cosa? Piuttosto difendeteli dai preti che organizzano queste manifestazioni da medioevo!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI