Domenica 17 Dicembre 2017
   
Text Size

I lavoratori Natuzzi presidiano i cancelli della sede centrale

presidio natuzzi_del_11_gennaio_4 

Si sperava che non si dovesse più scrivere di cancelli asediati, lavoratori a presidio. Tutto, almeno a poco esperti, faceva presagire che l'Accordo di Programma dell'ottobre 2013 sarebbe stato il capitolo definitivo della questione Natuzzi. Invece no. Invece si è ancora qui a scriverne, a cadenza ciclica. A scrivere di gente estromessa dal ciclo produttivo, a scrivere di accordi che, all'atto pratico hanno portato poco e niente.

presidio natuzzi_del_11_gennaio_1

Per questo i lavoratori della USB hanno presidiato i cancelli della sede centrale del gruppo in via Jazzitello a Santeramo. Trecentosessanta operai per i quali le speranze di rientrare a lavoro sono minime. Di quella cifra, questa mattina ai cancelli ce n'erano svariate decine. Nei giorni scorsi su Facebook ci sono stati diversi scambi di batute tra chi ha organizzato la manifestazione odierna e chi si è opposto a che questa fosse svolta. Infatti questa mattina ai cancelli erano assenti i lavoratori del Gruppo Autonomo Lavoratori. La loro assenza si è fatta sentire in termini numerici e questa è una sconfitta per chi era assente ed ha obbedito a direttive calate dall'alto. Dovrebbero ricordare che sono innanzitutto operai. Tra loro, come sempre, c'era Giovanni Porfido, che nei giorni scorsi ha scritto lettere alle più alte cariche dello Stato.

presidio natuzzi_del_11_gennaio_2

Il presidio è durato fino alle 12, orario in cui si è deciso che domani, ovvero martedì 12, il presidio si terrà davanti alla sede del consiglio regionale della Regione Puglia in via Capruzzi a Bari. I partecipanti si recheranno a Bari con i mezzi pubblici o con i propri e si daranno appuntamento per le 9.30 davanti alla sopra citata sede. 

 

presidio natuzzi_del_11_gennaio_3

 

Commenti  

 
#4 Silvio 2016-01-11 22:59
Brava Calliope .... quoto !!!!
 
 
#3 Erasmo 2016-01-11 22:34
Purtroppo bisogna registrare un'adesione scarsissima. Vorrei solo sapere i miei colleghi dove sono? possibile che su 350 eravamo solo in 50?
 
 
#2 Pippo 2016-01-11 17:56
Io credo sia giusto che tutti, tutti, i lavoratori hanno il diritto di scegliere chi li rappresenta. Nessuna divisione solo consapevolezza che serve un cambio... Riaprire la vertenza resta il minimo. Ora la Regione e il Ministero facciano sentire la loro voce!!! Basta.
 
 
#1 Calliope 2016-01-11 14:59
Non si dividono i lavoratori,specie per scopi prettamente personali. Vergogna!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI