Lunedì 18 Dicembre 2017
   
Text Size

Crisi Natuzzi. Messaggio del sindaco Michele D'Ambrosio

Natuzzi-logo 002 

 

Oggi è una giornata di lotta per i 365 Lavoratori della Natuzzi per la difesa del proprio posto di lavoro.

Io sono con loro! 
Sono a fianco di chi teme la disoccupazione e la povertà ad essa conseguente. Si, la povertà, proprio la povertà. La disoccupazione porta con sé la povertà poichè strappa la dignità delle Persone che perdono il lavoro che è ciò che li rende davvero liberi e forti.

Io sono e sarò sempre a fianco dei Lavoratori. Sono la parte più debole e vulnerabile. Sono a loro fianco come Cittadino e come Sindaco.

Il mio impegno istituzionale è continuo. Il compito della Amministrazione comunale è quello di mantenere sempre viva l'attenzione sul tema della crisi occupazionale, mantenere sempre vivo il dialogo tra le Parti sociali, stimolare le Istituzioni regionali e nazionali per la soluzione dei problemi. Questo lo faccio continuamente. I contatti sono frequenti con le Autorità regionali, con l'Azienda e con i Sindacati. Mantengo i contatti sul tema con il presidente Emiliano e l'assessore Capone.

Nell'ultimo incontro che ho avuto con i funzionari della Regione che si occupano della crisi Natuzzi abbiamo definito di riunire le Parti sociali per oggi 11 gennaio, ma alcuni Rappresentanti dei Lavoratori hanno chiesto di rinviare. L' incontro si terrà nei prossimi giorni. Ci saranno gli assessori regionali al Lavoro e Attività Produttive. Sarà una ulteriore occasione per la ricerca di una definitiva soluzione.

Noi non saremo tranquilli fino a quando tutti i Lavoratori non avranno tranquillità occupazionale.

 

 

prof. Michele D'Ambrosio
Palazzo municipale
Piazza dott. Simone, 8

 

 

Commenti  

 
#1 cigs forever 2016-01-11 14:39
Sindaco impegnati affinchè tutti noi cassintegrati natuzziani ultradecennali accediamo al "vitalizio integrato". Se uno perde il posto fisso deve esserci la cassintegrazione fissa. grazie
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI