Giovedì 19 Ottobre 2017
   
Text Size

Il giornalista Franco Porfido Cavaliere al merito della Repubblica

comune 1 

 

Santeramo avrà un nuovo Cavaliere al merito della Repubblica.

Giovedì 17 dicembre, alle ore 9.00, nell’Aula Magna “Attilio Alto” del Politecnico di Bari (in via Orabona n.4 a Bari) il Prefetto di Bari, Carmela Pagano, insignirà di tale onorificenza il giornalista pubblicista santermano Francesco Porfido, ai più conosciuto come Franco.

Alla cerimonia, presieduta dal Prefetto di Bari, Carmela Pagano, saranno presenti le principali autorità civili e militari della provincia.

L’onorificenza dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana (concessi con Decreto del Presidente della Repubblica a centootto cittadini della provincia di Bari) viene riconosciuta a tutti i cittadini italiani e stranieri, che abbiano almeno 35 anni di età e che abbiano acquisito benemerenze verso la Nazione nel campo delle scienze, delle lettere, delle arti, dell'economia e del disimpegno di pubbliche cariche e di attività svolte a fini sociali, filantropici ed umanitari, nonché per lunghi e segnalati servizi nelle carriere civili e militari.

Nato a Santeramo il 1 luglio 1951 Porfido (iscritto all’Ordine dei Giornalisti dal 1999) ha svolto per quasi 20 anni il ruolo di responsabile dell’Ufficio di Gabinetto del sindaco, nel Comune di Santeramo, divenendo nel 2008 direttore responsabile del sito istituzionale del Comune di Santeramo in Colle.

E’ attualmente direttore responsabile del periodico “Gocce di Rugiada” che, attraverso le Suore Apostole di Gesù Crocifisso con sede in San Giovanni Rotondo (Fg), promuove la solidarietà per i bambini e le famiglie povere delle Filippine e la devozione di San Pio da Pietrelcina.

Le meritorie e qualitative note di benemerenza del sig. Porfido Francesco possono essere sintetizzate in una succinta definizione: “Una passione innata per la cultura dell’Informazione”, svolta con semplicità ed efficacia nel nascondimento e senza mai ricercare il proprio tornaconto personale.

Per la sua dedizione al lavoro e nel costante assillo di essere in qualsiasi momento disponibile e pronto a concretizzare le disposizioni che Sindaci e Commissari di volta in volta disponevano, il Sig. Porfido è stato ampiamente gratificato.

In maniera contestuale alla buona ed esigente conduzione dell’Ufficio di Gabinetto, il Sig. Porfido è stato per il Comune di Santeramo in Colle un pioniere dell’informazione amministrativa, ritenuta fondamentale e decisiva per la crescita culturale collettiva, per avvicinare il cuore e la mente dei cittadini alla vita amministrativa e per favorire l’uscita dalla gabbia generica del qualunquismo, molto abbandonante e spregevole sulle labbra di chi non conosce le cose.

Per il suo naturale spirito di servizio che ha sempre caratterizzato il suo generoso impegno professionale, il sig. Porfido è stato valente organizzatore e regista delle pubbliche iniziative istituzionali del Comune nell’ultimo ventennio a partire dalla predisposizione dei  manifesti ed inviti per terminare alla preventiva architettura ed intuitivo svolgimento delle stesse, nonché di presentatore e conduttore. Mai una sbavatura o un’occasione di difficoltà o di disagio per gli Amministratori Comunali partecipanti.

Nel corso della sua attività professionale, il Sig. Francesco Porfido ha collaborato, come giornalista per quasi quindici anni con la tv locale “T.R.C. – Tele Radio Colle”, realizzando centinaia e centinaia di servizi, interviste, approfondimenti tematici, programmi (si ricorda, in particolare, “Libro Aperto”), invitando di volta in volta, secondo gli argomenti trattati, i cittadini interessati ed i suoi rappresentanti, cultori del mondo culturale, politico, amministrativo, religioso, sindacale, sociale, sportivo, associativo, economico, sanitario, ecologico, ecc. E’ stata dal primo momento all’ultimo una esperienza fantastica perché svolta con un unico fine: la quotidiana informazione che entra nelle case è lievito per la crescita culturale generale. La gente che ragione sugli eventi ne diventa responsabile, matura idee e proposte, riflette sui pro e sui contro, aiuta l’interlocutore a riflettere, mettendo al bando critiche e polemiche inopinate e, spesse volte, esasperate che attingono la inesatta verità delle cose “dal pozzo del non sapere”. Il suo costruttivo impegno giornalistico ha dato con certezza un valido contributo per l’elevazione e per la crescita culturale popolare e, in maniera particolare, per la conoscenza della storia santermana da parte delle nuove generazioni. L’apice di questo impegno è stata la realizzazione del pregevole cofanetto “Pagine di Storia Santermana – dalle origini al 1900”, con il quale il Sig. Porfido, dopo alcuni anni di ricerca e di studio, è riuscito a sintetizzare in otto dvd, contenenti ognuno due puntate, la storia di Santeramo a far data dalle origini (XII secolo) e fino al 1900 compreso. Un’opera che racconta l’evoluzione e lo sviluppo di Santeramo e dei Santermani, ottenuti con sacrifici enormi, privazioni ed umiliazioni, conservando sempre la dignità tipica della gente murgiana; una meritoria opera che smentisce coloro i quali – e non sono pochi – che hanno sempre insistito che Santeramo non ha una storia da raccontare. L’opera è stata patrocinata dalla Provincia di Bari, Comunità Montana Sud Orientale di Gioia del Colle, Comune di Santeramo in Colle, Pro Loco, ecc.

A supportare la candidatura del Sig. Francesco Porfido per il conferimento di questa onorificenza le seguenti istituzioni e associazioni di Santeramo:

-          Il Laboratorio Urbano “Mediavision”

-          Associazione Culturale “Attivamente”

-          Associazione Culturale “Ideando”

-          Associazione Sportiva Dilettantistica “Murgia Basket”

-          Associazione di promozione e valorizzazione territorio e patrimonio storico-artistico  “Archeowalking”

-          Associazione di volontariato e pubblica assistenza “PAMS – Pubblica Assistenza Murgia Soccorso”

-          L’emittente televisiva Santeramo in Colle Radio Colle TRC Soc. Coop. 

 

Commenti  

 
#6 Sine titulo 2015-12-17 18:48
Evidentemente il Prefetto di Bari non conosce il personaggio! Insigni e titolati nostri concittadini non si sono abbassati a comprarsi "cavalierati", perchè per essi parlavano la loro cultura, il valore e la stima generale, ed hanno dato lustro alla nostra città. Il "vanesio" va invece ricordato per la personale velenosa campagna contro un sindaco che non lo aveva beneficiato! UNICAMENTE PER IL PROPRIO INTERESSE E TORNACONTO PERSONALE! TANTI AUGURI.
 
 
#5 Vito Giampetruzzi 2015-12-16 16:43
Caro Franco esprimo il mio sincero apprezzamento per il meritato riconoscimento . Congratulazioni Ad Majora
 
 
#4 Diana79 2015-12-16 16:26
Mah .... Certo che la realtà supera la fantasia. Ho letto con attenzione l'articolo è la biografia e non emerge chissà cosa di così straordinario per meritare cotanta onorificienza. Non mi pare di aver letto uno scritto o un articolo del pubblicista sig Porfido di così elevato spessore culturale, anzi il ultimo articolo che ho letto era su come era bravo a mettere la fascia tricolore! Comunque nonostante i suoi 20 anni all'ufficio di gabinetto, così è scritto, strano che ne questa Amministrazione né le precedenti ne abbiano supportato la candidatura, pare strano. Mistero!!!
 
 
#3 Celestinov 2015-12-16 15:11
Al sig. Porfido sarebbe bastata una medaglia d'oro per il servizio sui rallentatori a Santeramo (gli ammortizzator gli amavè 'mbront!): ha fatto ridere di Santeramo tutta l'Italia!!!
Evviva Santeramo! Evviva il cavalier Franco Porfito!
 
 
#2 il velo di maya 2015-12-16 14:10
il simulacro dello stato-nazione nella sua piena manifestazione
 
 
#1 francoPorfido 2015-12-16 13:58
Cordialmente grazie.
Con l'occasione, siano graditi i miei sinceri Auguri di Buon Anno, Felice Anno Nuovo e di Ogni Bene alla Redazione e a tutti i lettori di Santeramoweb.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI