Domenica 22 Ottobre 2017
   
Text Size

Natuzzi accende il Natale di Santeramo

Natuzzi-logo 002 

 

Da sabato 5 Dicembre Palazzo Marchesale, la Chiesa del Purgatorio e quella di Sant’Eligio si trasformeranno in una suggestiva scenografia realizzata dal Gruppo Natuzzi all’insegna dell’armonia, della bellezza e della pace nel mondo. In particolare, in Piazza Garibaldi, si accenderanno le luci di Natale e si illuminerà il grande ulivo secolare addobbato con oltre 12.000 led che il Gruppo, per l’occasione, ha messo a disposizione della città e che al termine delle festività verrà trapiantato in una delle aiuole della sede centrale del Gruppo, in via Iazzitiello.

Inoltre, sempre nell’ambito delle iniziative natalizie cittadine, il Centro Stile Natuzzi ha messo a disposizione dei promotori del Presepe Vivente 2015, i tessuti per la realizzazione dei costumi dei figuranti.

Queste iniziative s’inseriscono all’interno de LA MURGIA INCANTATA 2015, il programma di eventi promosso dall’Amministrazione comunale in collaborazione con le associazioni, i commercianti e le scuole cittadine che, a partire dal 5 dicembre e fino al 6 gennaio, porteranno la magia del Natale nelle principali piazze di Santeramo in Colle.

Pasquale Natuzzi ha dichiarato: « L’ulivo è una pianta secolare, icona della nostra cultura e civiltà millenaria. L’ulivo oggi sta vivendo un momento di difficoltà, ma le sue radici secolari e la sua anima eterna lo aiuteranno a venirne fuori. Anche noi,  che umilmente ci ispiriamo a questa pianta meravigliosa, abbiamo attraversato e stiamo ancora attraversando una fase di difficoltà. Vogliamo superarla e  la supereremo perché, proprio come l’ulivo, abbiamo radici profonde e un’anima forte e positiva che ci fa guardare al futuro con ottimismo. Crediamo nel futuro e lo stiamo costruendo giorno per giorno, partendo come sempre da qui, dalla nostra Murgia, incantata e incantevole, verso il mondo». 

Buon Natale Santeramo, Felice Anno Nuovo. 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI