Martedì 17 Ottobre 2017
   
Text Size

La classe V E della "Hero Paradiso" vince il premio EduCare Scuola

gianni plantamura 

 

Lo scorso anno gli alunni della classe IV E a tempo pieno, guidati dai loro insegnanti Rosaria Campanale e Gianni Plantamura, hanno vinto il primo premio nazionale del concorso "L'Economia della famiglia Millesogni" indetto dalla banca BNL "EduCare Scuola" e Progetti Educativi Giunti.

A fine anno i dirigenti locali della BNL, con una simpatica manifestazione, hanno ufficialmente consegnato alla scuola una Lavagna Multimediale interattiva completa di tutto.
In occasione della seconda edizione del concorso gli organizzatori hanno invitato la nostra Scuola ad essere testimonial del progetto. La manifestazione di presentazione del concorso "L'Economia della famiglia Millesogni" si è tenuta a Roma presso la Sala Convegni di LUIS ENLABS, ubicata proprio sopra la stazione Termini, con la presenza di Marco Tarantola, Vice Direttore Generale BNL Gruppo BNP Paribas e di Andrea Chiaramonti, Amministratore Delegato di Giunti Scuola. Ha presentato e moderato gli interventi il giornalista Antonello Piroso.

Era presente solo un'altra scuola, di Roma, con gli alunni di due classi quarte.

 

Dopo la presentazione dei due sponsor del progetto ed una loro breve introduzione la parola è stata data alla nostra dirigente, dott.ssa Elena Cardinale, la quale ha sottolineato l'importanza dell’educazione finanziaria nella scuola, anche alla luce delle nuove indicazioni contenute nel documento "La Buona Scuola".

L’educazione economica – ha detto la dirigente- è una competenza indispensabile ai giovani, poiché l’economia dovrebbe essere una disciplina accessibile agli studenti di tutte le scuole. Educare i ragazzi a riflettere su concetti di economia è prioritario e indispensabile per aiutarli in futuro a fare scelte consapevoli sia come cittadini sia come utenti dei servizi finanziari. Sicuramente per ragazzi così piccoli i concetti possono essere alquanto difficili, ma se correttamente mediati dagli insegnanti e da strumenti costruiti "ad hoc", come l'opuscolo allegato al concorso, si rende l'economia una disciplina trasversale in grado di avviare gli alunni verso una maggiore consapevolezza dei meccanismi economici e finanziari in modo che possano diventare adulti responsabili, in grado di gestire le proprie risorse e programmare serenamente il proprio futuro.

Per la parte propriamente didattica il Dirigente Scolastico ha dato la parola all'ins. Gianni Plantamura, il quale ha illustrato in modo sintetico il percorso operativo che è sfociato nella stesura da parte degli alunni della classe IV E di un breve diario a completamento delle vicende della famiglia Millesogni, narrate nell'opuscolo allegato al concorso.

E' stato messo anche in evidenza come, attraverso il personaggio di Leo, i ragazzi si siano immedesimati meglio nelle vicende economiche della famiglia, riuscendo a comprendere con più facilità i difficili concetti economici.

Da questo punto di vista e per l'esperienza fatta riteniamo che le attività proposte per la partecipazione al concorso siano realmente valide per gli alunni.

In chiusura la dott.ssa Cardinale ha ripreso la parola per ribadire la partecipazione delle classi della nostra scuola a questa seconda edizione della "Economia della Famiglia Millesogni" come pure alla raccolta fondi per Telethon, anch'essa sponsorizzata dalla banca BNL, manifestazione per la quale ci stiamo già mobilitando.

In chiusura è stata presentata una "app" per smartphone, liberamente scaricabile dai siti di BNL, Giunti Scuola, o da Google Play, che attraverso giochini semplificano ulteriormente i contenuti didattici relativi alla finanza ed all'economia.

Sia il Dirigente che l'ins. Plantamura, hanno rilasciato delle brevi interviste in video, di cui vi daremo conto non appena saranno pubblicate sui siti degli organizzatori.

Possiamo essere orgogliosi di questi riconoscimenti che rendono visibile e gratificano il lavoro svolto dagli insegnanti del nostro Circolo.

Ins. Gianni Plantamura

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI