Lunedì 18 Dicembre 2017
   
Text Size

L’alga tossica attacca la Puglia, non va respirata

alga tossica 

 

L'alga tossica, il cui nome scientifico è Ostreopsis ovata, alga unicellulare del gruppo delle “Dinoflagellate”, torna a turbare l'estate delle coste pugliesi. E' un'alga dalle dimensioni comprese tra 30 e 60 micron (1 micron = millesimo di millimetro) che vive su alghe più grandi presenti sui fondali rocciosi di mari calmi e caldi.

 

Le prime segnalazioni di quest'alga risalgono intorno al 2000/20001, ed è stata introdotta, molto probabilmente, in modo accidentale nel Mediterraneo per mezzo delle acque di zavorra delle navi. La popolazione si sviluppa abbondantemente durante i mesi estivi a causa delle alte temperature, in zone di alta pressione, mare calmo e condizioni di irraggiamento favorevoli.

 

L'alga produce una tossina (Palitossina simile) che provoca moria e sofferenza di organismi marini (stelle di mare, ricci, granchi e molluschi cefalopodi) e stati di malessere transitorio sui bagnanti (riniti, faringiti, laringiti, bronchiti, febbre, dermatiti, congiuntiviti) che, come conferma il dott. Nicola Ungaro, dirigente ambientale di ARPA Puglia, scompaiono nel giro di due-tre giorni.

 

Resta costante, durante tutto il periodo estivo, il monitoraggio "Ostreopsis" da parte di ARPA Puglia. Nel corso dell'ultimo rilevamento, relativo agli ultimi quindici giorni di luglio, su venti luoghi di balneazione delle province pugliesi, risultano sei i siti che presentano in colonna d'acqua (l'acqua in sospensione), una densità di Ostreopsis superiore ai 30.000 cellule\litro, limite ultimo per l'insorgenza di un eventuale rischio sanitario.

 

I siti maggiormente infestati, come dimostra la tabella qui sotto, in cui è riportata la densità dell'alga sui fondali e in colonna, sono Hotel Riva del Sole, Giovinazzo (85.200 cellule\litro), La Forcatelle, Fasano (147.187 cellule\litro), Torre Canne, Fasano (103.732 cellule\litro), Porto Badisco, Lecce (26.457cellule\litro), Punta Macalone, Lecce (22.232 cellule\litro).

 

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI