Martedì 17 Ottobre 2017
   
Text Size

Un esercente di via Iacoviello scrive dell'esito dell'incontro con l'amministrazione

via iacoviello 

Riceviamo e pubblichiamo

 

Faccio seguito alle richieste di più cittadini (tale Giulio in primis, che facendosi scudo dell’anonimato si permette di fare basse insinuazioni) di conoscere l’esito dell’incontro che è avvenuto fra il Sindaco e la rappresentanza dei commercianti coinvolti dall’argomento in discussione.

Premetto che finora nulla è stato comunicato per vari motivi; ne elenco qualcuno giusto per chiarire che non esiste alcun accordo sottobanco, come qualcuno vuol fare credere: 1) Complessità degli argomenti trattati( non è possibile riassumerli in poche righe);2) Quella che io definisco eccessiva prudenza da parte delle organizzazioni di categoria che senza approvazione plebiscitaria non emettono alcun comunicato, ergo inutili lungaggini(stesso motivo per cui è stato pubblicato prima il famigerato articolo dei francesi e degli spagnoli e poi il comunicato stampa che era già pronto dal giorno prima,ma bisognava portarlo al vaglio della censura interna: risultato, abbiamo rischiato di fare la figura degli sprovveduti o dei furbetti che si vendono per quattro denari.);3) Vi garantisco che anche noi abbiamo una attività produttiva da mandare avanti e sottraiamo a tali attività il tempo per andare a litigare con gli amministratori senza alcuna contropartita; ergo è difficile trovare il tempo per fornire una informazione esauriente e tempestiva alla cittadinanza.

Mi fermo qui con le giustificazioni, passiamo a descrivere i fatti dell’incontro.

Presenti delegazioni di Confesercenti, Confcommercio, rappresentanti dei commercianti di via Iacoviello(fra cui il sottoscritto); dall’altra parte il Sindaco, gli assessori al commercio e alla viabilità, più il consigliere Putignano(non si è capito né a che titolo, né il motivo per cui non fossero presenti anche altri consiglieri di maggioranza o opposizione che fosse. O meglio il perché fosse presente lo abbiamo capito subito dopo, ma questa è un’altra storia).

In estrema sintesi, a fronte di nostre proposte ragionevoli,  ben argomentate e documentate abbiamo ricevuto la netta chiusura a qualsiasi approfondimento e il rifiuto di prenderle in considerazione da parte del democraticissimo primo cittadino.

Mi ripromettevo già nei giorni scorsi di raccontare per filo e per segno tutti gli accadimenti di cui purtoppo sono memoria storica, sappiate che lo farò a cominciare da lunedì prossimo(se le testate giornalistiche vorrano ospitarmi). Vi anticipo solo come antipasto che la fandonia delle centinaia di autobus che percorrono via Iacoviello-piazza DiVagno è stata smontata in maniera clamorosa: sono molto ma molto meno. Come direbbe il grande Emilio FEDE: ”….”

Abbiate pazienza e fiducia, voglio informarvi di tutto, la protesta non si ferma.

A presto, Vincenzo Mele. 

 

Commenti  

 
#1 giuseppe molinari 2015-07-25 18:09
il sindaco ha deciso e basta. bisogna provare i meloni per 3 mesi poi vediamo. ma perchè si è incocciutito? cosa c'è sotto?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI