Domenica 22 Ottobre 2017
   
Text Size

Santeramo: 850 compostiere mai utilizzate

compostiera 

Riceviamo e pubblichiamo

 

Il comune di Santeramo è proprietario di ben 850 compostiere ma il motivo reale per il quale siano state previste e comprate non è ancora chiaro. Infatti, pur volendole utilizzare per la produzione di fertilizzante necessario alla concimazione delle proprie piante presenti in casa e non avendo nelle vicinanze un centro di raccolta per il compost,  la quantità di terriccio prodotto risulterebbe superiore al fabbisogno domestico e la parte in eccesso non troverebbe un conferimento pubblico; sta di fatto, che, oltre ad essere delle compostiere nuove e mai utilizzate, sono soldi pubblici drenati dalle nostre tasche, ormai sempre più vuote.

Le compostiere sono dei contenitori generalmente in plastica dove al proprio interno vengono immessi tutti i rifiuti di tipo organico come le foglie e gli scarti di potatura e molto più comunemente gli avanzi e gli scarti dei cibi che generalmente consumiamo, quali ad esempio, ortaggi, pasta, fondi di caffè, buccie, ecc.; quello che nella raccolta differenziata dei rifiuti viene classificata e gestito come "rifiuto umido/organico".

Questa tipologia di "rifiuto", inserito all'interno delle compostiere assieme ad "attivatori", da vita al processo naturale della biostabilizzazione che porta alla produzione di  un terriccio chiamato "humus", terra fertile. Il "compost" ottenuto è un ottimo fertilizzante per l'utilizzo in orticoltura, frutticoltura, coltivazioni industriali,  florovivaismo.

Ad ogni modo delle oltre 800 compostiere di proprietà della cittadinanza santermana e dimenticate  in qualche deposito comunale, pare,  non si sappia come utilizzarle. Viene quindi spontaneo chiedersi il perché del loro acquisto. Ma questa è un'altra storia.

Per questo, noi Attivisti locali del M5S, in questi giorni abbiamo protocollato in Comune una nostra proposta per l'utilizzo virtuoso delle 850 compostiere che da anni sono immagazzinate ed inutilizzate.

La nostra proposta prevede l'assegnazione delle compostiere, tramite un bando comunale ad hoc, agli utilizzatori o proprietari di orti privati e di attività hobbistiche che vedono l'utilizzo e l'impiego del "compost" prodotto, quale ottimo fertilizzante naturale per le proprie colture o attività connesse.

Questa nostra proposta è una maniera per dare rispetto e giusto valore ai soldi pubblici spesi per una  nobile causa, ma che nella realtà, attualmente,  sono l'ennesimo spreco di denaro pubblico.

Santeramo in MoVimento

       M5S- Santeramo

 

Commenti  

 
#1 Peppino 2015-06-24 14:49
Chi le ha acquistate e quanto ci sono costate?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI