Domenica 17 Dicembre 2017
   
Text Size

TARI. Comunicato del sindaco D'Ambrosio

 

dambrosio 

Dalla Casa Comunale riceviamo e pubblichiamo

 

Cari Concittadini,
il tributo sui rifiuti ( c.d. TARI ) rappresenta la fonte finanziaria necessaria alla copertura dei costi che il Comune sostiene per il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti. Le tariffe relative alla TARI vengono determinate ogni anno nel Consiglio Comunale nel rispetto dei parametri minimi e massimi prescritti dalla normativa nazionale.
Ciò è, ovviamente , accaduto anche in occasione della quantificazione della TARI relativa all’anno 2014 che ha rappresentato il primo anno di applicazione del nuovo tributo, in sostituzione del previgente prelievo TARSU. La Tari consente una maggiore giustizia impositiva poiché oltre a tener conto della superficie dell’ abitazione anche del numero dei componenti del nucleo familiare imponendo minori importi quanto minore è il numero dei componenti del nucleo stesso.
Senonché a causa di una carenza nel supporto tecnico necessario alla corretta applicazione del nuovo tributo ( che doveva basarsi su una banca dati aggiornata e mai eseguita da chi ci ha preceduto) non è stato ottenuto il risultato sperato. Questa grave carenza non era da noi conosciuta all’atto della deliberazione.
Il Comune dunque non ha un archivio-database aggiornato con dati reali delle posizioni di tutti i Contribuenti non solo delle residenze familiari, ma anche per le unità immobiliari di commercianti e artigiani. Su questo aggiornamento che richiede tempi abbastanza lunghi stiamo lavorando.
Nonostante queste criticità, con certezza possiamo affermare che richieste di pagamento relative alla TARI 2014, legittimamente determinate con la delibera di Consiglio Comunale , ha determinato moltissime riduzioni di tassazione rispetto al 2013, a differenza di quanto propagandato da alcuni gruppi politici locali, e solo nella minoranza dei casi per un notevole aumento rispetto agli anni pregressi. Noi per esempio abbiamo pensato ad agevolare con sensibili diminuzioni i nuclei con uno/due componenti.
Possiamo dunque affermare con certezza che una buona parte dei cittadini ha ricevuto una riduzione equa del tributo sui rifiuti e che ben 614 famiglie con un reddito Isee inferiore a € 7.500 non ha pagato neanche un centesimo. Naturalmente chiariamo che i mancati introiti Tari da questa nostra azione sociale sulle famiglie povere non gravano sulla fiscalità ( tra i pochissimi Comuni italiani!).
Pertanto , nella determinazione delle tariffe della TARI relative al corrente anno 2015, il Comune porrà rimedio alle ragioni che hanno determinato tali aumenti a cominciare da un aggiornamento puntuale dei dati di riferimento di ciascun contribuente, con le sue reali proprietà o immobili di uso, ma anche ulteriormente con un utilizzo “ calibrato “ dei parametri di legge.
Provvederà inoltre ad utilizzare , ove ve ne fossero, maggiori entrate dell’esercizio 2014 con la riduzione del dovuto TARI per gli anni successivi.
ATTENZIONE:
non aderite agli inviti di inadempimento dell’obbligo di pagamento della rata a saldo 2014.
CHI RIVOLGE QUESTI INVITI DANNEGGIA I CITTADINI ESPONENDOLI ALL’ACCERTAMENTO DELL’EVASIONE CON IL CONSEGUENTE OBBLIGO PER LA PUBBLICA ANìMMINISTRAZIONE DI IMPORRE INTERESSI E SANZIONI. Chi spinge alla evasione commette un illecito morale e civico.
Michele D’Ambrosio
Sindaco

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI