Domenica 17 Dicembre 2017
   
Text Size

Raccolta differenziata

rifiuti 

 

Il lavoro eseguito in sinergia tra l’Assessorato dell’Ambiente e Legambiente per informare la cittadinanza sulla necessità di differenziare i rifiuti è stato molto apprezzabile. Hanno promosso incontri con le scuole di tutti i gradi, con le parrocchie, oltre a quelli pubblici. Questo tema è di vitale importanza per tutta la città, e deve coinvolgere tutti noi a impegnarci per mantenere pulito, non soltanto il mondo attuale, ma specialmente quello che dovremo lasciare alle future generazioni. Alcuni piccoli passi sono stati fatti, ma il più resta da fare, soprattutto nell’inculcare nella mente della maggior parte dei cittadini, di tutte le età e condizioni, che dividere i rifiuti  non deve essere sembrare un obbligo, ma  un piacevole esercizio che ci permette di apprezzare il riciclaggio dei rifiuti: plastica,carta, vetro, alluminio ecc. E il costatare che sono riusati è molto gratificante, poiché ci danno la medesima soddisfazione di quanto notiamo la crescita di una pianta, dopo aver introdotto i semi nella terra. E’ comunque deprimente osservare che malgrado il molto prodigarsi di tante persone che definire missionari della differenziata è riduttivo; la percentuale di rifiuti raggiunta a Santeramo è appena del 15%. Le varie Amministrazioni Comunali succedutosi negli ultimi quindici anni hanno cercato con molto tatto, ma con poca severità, di fare capire a tutti i cittadini che differenziare i rifiuti e raggiungere la quota del 25%, oltre  a rendere l’ambiente più pulito, tutti avremmo potuto risparmiare una discreta cifra sulla bolletta della Tari.                                                                                                               

Ma perché tanti santermani sono così restii verso la separazione dei rifiuti e, alquanto trascurati nel mantenere le strade, i giardini e le piazze puliti ? A cosa ha dovuto quest’allergia? Nei commenti di piazza , tutti sono concordi nell’affermare che è necessario generare  uno sforzo comune per evitare di sporcare ,anzi di collaborare per mantenere pulita la nostra città, ma poi non seguono i fatti e tutto resta invariato. Tanti raccontano le loro esperienze vissute all’estero, evidenziando l’ordine e la pulizia che regna in Nazioni come la Svizzera e la Germania. Pochi, però, analizzano le cause, non soltanto in termini di rifiuti diversi, ma soprattutto per quanto attiene l’impegno del singolo cittadino, cui sfugge un dettaglio importante: il decoro del demanio pubblico è altresì importante come quello di casa sua. Pensare di poter camminare per le strade e per le piazze linde e pinte della nostra città, deve restare soltanto un immaginario sogno? O se veramente tutti lo volessimo, con il massimo impegno di ognuno di noi, potrebbe diventare realtà? Se iniziassimo subito a fare prevalere il nostro senso civico? Non è molto difficile, basterebbe volerlo e si può, da subito e tutti quanti, incominciare con alcuni e semplici accorgimenti.                                                                                                                                      

In attesa che il Comune di Santeramo fornisca i contenitori per la differenziata porta a porta, dividiamo con attenzione i rifiuti e conferiamoli negli appositi bidoni. Molti cittadini sono vivamente pregati di non sforzarsi nel trasportare e abbandonare nelle strade di campagna e nei terreni, ogni sorta di rifiuto solido: televisori, lavatrici, lavandini, materassi, bottiglie ecc. Possono risolvere tale problema restando a casa: è sufficiente telefonare alla Tradeco, o semplicemente mettere tali rifiuti vicino ai relativi bidoni. Dobbiamo evitare di buttare carte e altri tipi di rifiuti per le strade, come pure è inaccettabile osservare tante persone che gettano dai finestrini delle loro auto carte, buste di plastica e altri oggetti inutili.                                                   

Una preghiera va indirizzata verso quei padroni di cani che non usano, come la legge prevede, la paletta e le buste per raccogliere gli escrementi dei loro amici a quattro zampe. Avere l’amore per gli animali e per i cani in particolare, è molto umano e sintomo di una grande sensibilità di animo. Occorre però occuparsene, nel senso più completo del termine; ossia rispettando sia l’animale sia l’ambiente; evitando quindi di sporcare i giardini, le strade e le piazze. Per attenersi a queste poche regole non ci vuole molto, è sufficiente un poco di buona volontà.                                  

 L’assessore preposto e il Signor Sindaco, però, da un lato devono mettere in grado il cittadino di poter eseguire una corretta raccolta differenziata , e dall’altro devono vigilare affinché la ditta appaltatrice esegue con scrupolosità il proprio compito. In tanti punti mancano i bidoni della differenziata, molte strade non vengono spazzate, in altre cresce l’erba  e ovunque regna un degrado , non degno di una città civile. Il Comune potrebbe affidare anche a qualche suo Manager, considerata l’alta competenza professionale, il compito di escogitare qualche strategia per cogliere un’alta percentuale di raccolta differenziata. Soltanto quando le regole e i severi controlli non dovessero essere sufficienti, sarà opportuno usare le ammende pecuniarie.                                                                                                                          Desideriamo proporlo con grande forza. Siamo arrivati ad un punto molto critico. O c’impegniamo tutti a fare la differenziata o i rifiuti ci sommergeranno.

 

Commenti  

 
#2 giovanni porfido 2015-06-07 16:27
QUI SI PARLA DI FARE BENE LA DIFFERENZIATA ED INVECE NON RIESCONO A CALCOLARE QUANTO DOBBIAMO PAGARE DI SPAZZATURA. CI SONO STATE BEN DUE IPOTESI DI CALCOLO ANDATE A BUCA, E ADESSO MI PARE CHE STANNO PROVANDO A FARSELO FARE DA BARI UN CALCOLO ADEGUATO. MA IL PD PROVVEDE CMQ A DARGLI GLI INCENTIVI O PREMI DI PRODUTTIVITA' AI DIRIGENTI. IO DICO, MA PERCHE' NON FARGLI FARE UN ALTRO LAVORO E METTERE GENTE CAPACE AL LORO POSTO???
 
 
#1 rosso 2015-06-05 12:27
condivido pienamente l'articolo però sono anni che si parla di racc olta differenziata ma l'attuale amministrazione pensa solo a fare ammende di 50.00 euro ai cittadini che depositano i rifiuti fuori orario e non si preoccupa di far ritirare i rifiuti da giorni fatevi un giro nel paese di che stiamo parlando cosa fa il sindaco nei confronti della Tradeco?????
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI