Mercoledì 18 Ottobre 2017
   
Text Size

Firmata la convenzione tra ITS "Cuccovillo" e Industrie Natuzzi

its cuccovillo 

 

La Regione Puglia da anni investe negli ITS (Istituti Tecnici Superiori), uno strumento fondamentale per rispondere alla domanda delle imprese di nuove ed elevate competenze tecniche per promuovere i processi di innovazione; per far acquisire ai nostri giovani le abilità e le competenze necessarie ad affrontare con una maggiore preparazione le sfide e i bisogni di una società così complessa.

 

La scelta dell’ITS Cuccovillo di avviare un nuovo percorso biennale dedicato alla Meccanica del legno e la Convenzione con il Gruppo Natuzzi, si configura come azione di sistema che mette in rete, all’interno della filiera produttiva, modalità di apprendimento “in situazione”, per realizzare percorsi, anche personalizzati, di studio/lavoro, che rispondono ad una finalità che è ad un tempo educativa, culturale e professionalizzante.

Il comparto del Legno-Arredo, di lunga tradizione, caratterizzato da una conduzione spesso familiare, e dal radicamento al territorio, si scontra di fatto con una serie di difficoltà in termini di internazionalizzazione e innovazione, elementi fondamentali per essere competitivi nel mercato globale. Queste criticità possono essere superate non solo favorendo sinergie e forme consortili tra le imprese che consentano la diffusione di know how, ma anche realizzando investimenti in termini d’istruzione e formazione, che possano essere funzionali alla promozione e alla valorizzazione del Made in Italy .

Occorre dunque formare figure altamente specializzate che sappiano coniugare gli aspetti più tecnici a quelli più commerciali di marketing, che riescano a curare la pianificazione strategica per un adeguato posizionamento del prodotto sui mercati internazionali. E’ opportuno inoltre formare tecnici che abbiano competenze linguistiche, nelle TIC, che abbiano una formazione nell’ambito del marketing e della comunicazione e che sappiano individuare il posizionamento del prodotto in uno specifico segmento di mercato, gestendo il piano delle vendite e monitorando la soddisfazione del consumatore.

In quest’ottica intendiamo potenziare i percorsi formativi degli ITS già esistenti e, nell’ambito della nuova programmazione, istituirne di nuovi in settori che riteniamo altrettanto strategici come il Turismo, la Logistica e le ICT , ma anche istituire poli tecnico professionali, tra cui quello del “Sistema casa”, che potrebbe essere utile per promuovere il rafforzamento ed il consolidamento di relazioni stabili tra Istituti di istruzione secondaria superiore, centri di formazione professionale, Università, Centri di ricerca ed innovazione tecnologica, Imprese, Parti sociali ed Enti locali e favorire l’incontro tra la domanda di professionalità delle imprese e l’offerta di competenze tecniche e professionali.

 

 

Commenti  

 
#1 condivisione 2015-05-02 10:52
finalmente una buona notizia! Speriamo che anche le autorità istituzionali, dopo questo esempio tangibile della nostra più prestigiosa azienda ,capiscano che l'unica soluzione reale per vincere la disoccupazione è:la professionalità dei cittadini.Le varie forme assistenzialistiche : cassa integrazione, disoccupazione e sussidi vari non solttanot sono provvissori, ma alla lunga,sono controproducenti anche per chi li percepisce.avanti tutta !!!!e grazie .un cittadino lungimirante !!!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI