Domenica 22 Ottobre 2017
   
Text Size

Quinto incontro di formazione degli ex allievi Salesiani

maresciallo falagario 

 

Come si fa a parlare di onestà ed a praticarla quando si vive in una società dove il disonesto, il furbo è ritenuto un piccolo eroe da imitare? Come possono i nostri figli dare peso a questa virtù quando, come dice Giovenale, “L'onestà è lodata da tutti ma muore di freddo”? Quale incentivo ad essere onesti si può dare a dei ragazzi che vivono quotidianamente in famiglia una “disonestà accettabile” dove si giustifica la piccola disonestà con il “così fan tutti”?

Grazie anche al prezioso contributo del maresciallo Raffaele Falagario, testimone bivalente in quanto exallievo del Redentore di Bari e comandante della stazione dei carabinieri di Santeramo, il quinto incontro formativo organizzato dagli exallievi il 13 aprile è stato particolarmente partecipato. Si è potuta avere una testimonianza diretta da una persona che quotidianamente deve lavorare alacremente contro la disonestà e che quindi conosce profondamente le criticità del nostro paese.

Ha suscitato vivo interesse il suo passaggio sulla criminalità giovanile di Santeramo e la sua disanima sulle cause e sulle possibili soluzioni ai tanti e gravi problemi che attanagliano i nostri ragazzi.

Il prossimo appuntamento – che chiuderà il ciclo - è fra un mese circa in cui ci sarà la trattazione del tema “Il buon cristiano ha buone chances per essere un onesto e realizzato cittadino?” con l'impegno di avere come testimonial un salesiano caro a Santeramo e che ama Santeramo.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI