Lunedì 15 Ottobre 2018
   
Text Size

INCIDENTE SULLA S.P. 235, GIOIA - SANTERAMO

incidente_gioia-santeramo Oggi, 25 Agosto, alle ore 12:30 si è verificato un incidente sulla S.P. 235 Gioia del Colle - Santeramo. Sono rimasti coinvolte 4 mezzi: un autocarro Fiat Iveco, una Fiat Panda, una Fiat 600 e una Renault Scenic.

Secondo le prime ricostruzioni, la panda proveniva da Gioia in direzione Santeramo, quando all'altezza del km 24+700 ha rallentato per svoltare a sinistra e si presume sia stata tamponata dalla fiat 600 e poi dalla renault. L’impatto ha fatto spostare la panda sulla corsia opposta e si scontrata frontalmente contro un camion Iveco che non ha potuto evitare l'impatto.

C'è stata una carambola tra i mezzi, ad avere la peggio la conducente della fiat panda, la ragazza gioiese Angela Procino che ai soccorritori del 118, giunti da Gioia e Santeramo, è sembrata grave. La centrale operativa del 118 ha disposto il ricovero al policlinico di Bari con un codice rosso.

Gli altri occupanti delle autovetture sono stati trasportati all’ospedale di Acquaviva delle Fonti e Putignano, tra questi anche una bambina di 10anni. L’autista dell’autocarro è rimasto traumatizzato con l’evitabile colpo di frusta.

Sono intervenuti per i rilievi i Carabinieri del Radio Mobile e la Polizia Stradale di Gioia del Colle, i Vigili del Fuoco di Putignano e 3 ambulanze del 118 di Gioia, Putignano e Santeramo.

La provinciale è nota a tutti per la sua pericolosità, se non si rispettano i limiti imposti dalla segnaletica, che proprio nel tratto dove è avvenuto il sinistro reca i cartelli di 50 km/h e il divieto di sorpasso.

Fonte e foto: Vivi la Strada. it

incidente_gioia-santeramo_tris incidente_gioia-santeramo_bis

Commenti  

 
#2 Giovanni Dimita 2009-09-02 21:05
il tanto annunciato autovelox è al momento sospeso. citando Shakespeare, too much ado about nothing
 
 
#1 giova 2009-08-25 21:56
dopo il battage mediatico, non si è risolto niente. sempre così
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI