Mercoledì 15 Agosto 2018
   
Text Size

Route 96, la Murgia dell'uomo: approvato il progetto

39

Fondi dal Mibact - Ministero Beni Culturali - per finanziarel diciannove idee di valorizzazione culturale presentate dalle Amministrazioni locali in risposta al bando approvato lo scorso anno, per un totale di 5,6 milioni di euro.

Tra i 19 progetti finanziati anche la Route 96, "La Murgia dell'Uomo. Dall'uomo di Altamura all'uomo rupestre fino al cittadino globale a Altamura" nato dalla collaborazione tra i Comuni di Gravina, Altamura, Bitonto, Palo del Colle, Toritto, Cassano delle Murge, Santeramo in Colle.

Un progetto complessivo di 300.000 euro finalizzati ad assicurare la "fruibilità delle aree di attrazione culturale, a beneficio dei territori interessati, rinvenienti da strategie di area facenti perno sulle dotazioni di patrimonio culturale ed in generale sulle identità culturali, dotate di specifiche linee progettuali coerenti con le programmazioni operative dei fondi nazionali e comunitari a livello nazionale e regionale".


Fruibilità del patrimonio culturale che in concreto significa "garantire un vantaggio economico per la realtà territoriale rinveniente dall'incremento del turismo". Per questo i comuni che si affacciano sulla statale 96 hanno puntato sulla promozione e valorizzazione della storia dell'uomo, valorizzando l'habitat rupestre e il sistema dei musei, in armonia con il paesaggio di lame e gravine che caratterizza l'intera Murgia, filo conduttore con tutti gli altri comuni aderenti al bando.

Route 96 che richiama la famosa Route 66, nota, in America, per aver supportato l'economia delle comunità attraverso le quali passava. Il comune denominatore è la Statale 96 che lambisce i sette Comuni interessati e collega la Murgia al capoluogo pugliese e che attraversa alcuni dei sette comuni coinvolti, sfiorandone altri. 

Un progetto che si propone di attuare un'azione di valorizzazione e gestione integrata degli attrattori locali, primari e secondari, materiali e immateriali di tipo culturale, naturale e ambientale che ha permesso ai sette Comuni partecipanti di ottenere fondi europei per lo sviluppo culturale e turistico per un totale di 300.000 euro.


 

Commenti  

 
#1 sportello 2018-01-23 18:40
Speriamo bene. Speriamo che non se li fumano con nuovi cartelli e nuove panchine...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI