Lunedì 18 Dicembre 2017
   
Text Size

Garantire il rispetto della Legge n. 194 del 1978 sulla interruzione volontaria della gravidanza

aborto-legge-194-cgil

 Il 4 novembre il M5S ha depositato una mozione con cui si vuole impegnare la Giunta a porre in essere tutte le azioni possibili per garantire il rispetto della Legge n. 194 del 1978 sulla interruzione volontaria della gravidanza.

 Questa è la migliore risposta – dichiarano i pentastellati - a chi ha provato a strumentalizzare la nostra decisione di non votare la proposta di Legge presentata da un consigliere di maggioranza, una proposta che, pur essendo apprezzabile dal punto di vista ideologico, in realtà non aggiungeva nulla rispetto alla normativa già vigente. La Legge 194 è chiara: ospedali e case di cura accreditate sono tenuti ad assicurare gli interventi di interruzione volontaria della gravidanza e la Regione deve controllarne e garantirne l’attuazione anche mediante la mobilità del personale. Quindi, ferma restando l’obiezione di coscienza quale diritto del personale medico, la struttura sanitaria è obbligata a garantire il servizio di IVG. Ma non solo: le audizioni della consulta femminile da noi richieste e delle Asl hanno fatto luce sulle problematiche che principalmente ostano all’applicazione concreta di quanto previsto dalla normativa nazionale: dalla mancanza di personale medico alla carenza di informazione e di supporto alle donne da parte dei Consultori familiari.”

“Sembra chiaro dunque incalza il Consigliere Marco Galante componente della III Commissione Sanitàche non sia assolutamente necessaria una Legge regionale copia-incolla di quella nazionale, ma occorre che il Presidente Emiliano e il suo Governo si impegnino seriamente ad abbattere gli ostacoli alla corretta applicazione della legge 194 del ’78 di concerto col Ministero, dal momento che anche l’Europa ci ha già bacchettati. Purtroppo il Presidente che tra l’altro è anche assessore alla Sanità, troppo impegnato nelle lotte interne del suo partito, non ha nemmeno trovato il tempo per venire in Commissione e ascoltare le audizioni. Se lo avesse fatto si sarebbe reso conto dei problemi che ci sono in Puglia per ottemperare a quanto previsto dalla Legge 194. Non è possibile conclude che per l’ennesima volta un Governo regionale non si faccia carico del problema e rimanga inerme a guardare la sanità pugliese che continua a sprofondare nel baratro della illegalità e dei disservizi”.

Commenti  

 
#12 DESPOTA E RANCOROSO 2017-11-15 18:46
CI RINUNCIO
 
 
#11 DESPOTA E RANCOROSO 2017-11-15 18:35
si si, hai ragione. pov'r a nu...
 
 
#10 Mauro 2017-11-15 16:12
La mozione chiede il rispetto della legge, quindi nelle strutture accredidate non devono esserci solo obiettori. I miei commenti precedenti erano riferiti alla prima domanda di Max, quindi evita di fare il minestrone.
Il rispetto i fedeli se lo devono guadagnare, ogni volta che pretendono di togliere o non concedere diritti al prossimo, perchè "il loro Dio" dice che deve essere per forza così, allora il rispetto reciproco viene a mancare! La pernacchia denota inoltre maturità mentale...
 
 
#9 Prrrrr 2017-11-15 01:13
Infatti, la mozione dice testualmente "ferma restando l’obiezione di coscienza quale diritto del personale medico". Quindi nella mozione non leggo alcuna crociata anti obiettori. Per quanto riguarda la tua mancanza di rispetto per la fede ed i fedeli, invece, non posso che farti una sonora pernacchia
 
 
#8 Mauro 2017-11-14 16:09
Perchè tu seriamente credi in serpenti che parlano e vergini che partoriscono?!?! Dai su siamo nel 2017 ne va dell'intelligenza umana.
Purtroppo la legge 194 non viene rispettata in tanti ospedali e case di cura accreditate, in quanto il personale è composto solo da dottori obiettori. I dati del ministero della salute sono chiari. Quindi la mozione depositata è più che fondata.
 
 
#7 DESPOTA E RANCOROSO 2017-11-13 18:21
le religioni sono "storielle fantasy"? wow, meriti come minimo il tapiro d'oro. poi sarebbe bello sapere in cosa credi tu? la tua religione è "di credere ai cantanti" come cantava marco masini? comunque, è compito delle pubbliche amministrazione garantire i pubblici servizi previsti dalla legge. anche quelli previsti dalla 194. se ci sono degli obiettori, si fa una ricognizione del numero degli stessi e si provvede con gli altri ad attrezzare il pubblico servizio nel migliore dei modi possibili. con la caccia alle streghe, invece, non si risolve mai nulla
 
 
#6 Mauro 2017-11-13 16:19
Fammi capire, voi volete negare un diritto al prossimo, garantito anche dalla legge 194, e gli altri sarebbero i dittatori??? :)
E poi vi lamentate che sempre meno gente viene in chiesa e crede alle vostre storielle fantasy...
 
 
#5 A mauro 2017-11-12 15:27
Quindi tutti gli obiettori vanno licenziati! Chiedi ai 5 stalla di fare questa legge moooolto liberale. A voi Stalin e Mussolini fanno un baffone
 
 
#4 Mauro 2017-11-11 17:24
Il tuo paragone non ci azzecca una beata fava, il dottore si sceglie volontariamente di farlo dopo anni di sacrifici e studi che nulla hanno a che vedere con la religione. La religione deve restare fuori dalle istituzioni pubbliche pagate con i soldi di tutti i cittadini, credenti e non. Tu puoi credere in quello che vuoi, ma non puoi ostacolare la vita altrui con ciò che piace a te. Impara a rispettare il prossimo.
 
 
#3 X mauro 2017-11-10 00:52
Il tuo laicismo da pseudo mangiaprete è fuori dalla storia. Se siamo ancora convinti che la liberta di coscienza e l aver fede siano un problema da abbattere, vuol dire che desideriamo ancora uno stato opprimente e totalitario. L obiezione di coscienza esiste su diverse tematiche. Tu, ad esempio, avresti continuato a far arrestare chi si rifiutava di imbracciare le armi nel servizio di leva?
 
 
#2 Mauro 2017-11-08 18:09
Caro Max, i dottori obiettori di coscienza dovrebbero cambiare direttamente lavoro, magari diventare preti che fanno prima. Quindi bisognerebbe fare una bella legge in cui si dice, se sei obiettore di coscienza non puoi fare il dottore!

Se fosse per la religione in questo momento ci ritroveremmo a curarci con le sanguisughe. Menomale che gli scienziati (perseguitati in passato dai religiosi) hanno proseguito, nonostante tutto, nel miglioramento delle tecnologie e di conseguenza delle cure.
 
 
#1 Max 2017-11-08 09:18
Faccio una domanda ai 5 stelle: supponiamo che, purtroppo, tutti gli addetti, col tempo, diventino obiettori di coscienza, voi vome risolvereste il problema?
Cercate di dare risposte anzichè lanciare sempre strali agli altri. e vedete dove governate.... dove regna l'abisso della sprovvedutezza.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI